Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

Carini (Pp): «La Sanità emiliano-romagnola un modello da seguire»

Il consilgiere piacentino: "Il nostro sistema sanitario regionale può essere tranquillamente considerato un modello a livello nazionale al quale molte altre regioni dovrebbero ispirarsi. I conti in equilibrio e le strategie di sviluppo sono i punti cardine della sanità emiliano-romagnola”

"Il nostro sistema sanitario regionale può essere tranquillamente considerato un modello a livello nazionale al quale molte altre regioni dovrebbero ispirarsi. I conti in equilibrio e le strategie di sviluppo sono i punti cardine della sanità emiliano-romagnola”. Lo afferma in una nota il consigliere regionale piacentino del Pd Marco Carini.

“Anche nel 2013 il servizio sanitario regionale chiuderà i conti in equilibrio e senza aver ridotto l'offerta dei servizi. Si tratta di riscontri non scontati - continua Carini - considerando che il 2013 è stato un anno difficile, caratterizzato da ulteriori tagli pari a circa 260 milioni di euro. Il sistema regionale ha dimostrato di reggere nelle situazioni peggiori. Mi preme sottolineare ancora una volta come nel 2013 l’impegno finanziario della Regione Emilia-Romagna a sostegno delle attività e dei servizi per la non autosufficienza sia stato di 430 milioni e 600 mila euro. Non un euro di meno rispetto al 2012. Si pensi che l’ammontare totale del Fondo nazionale per la non autosufficienza garantito dalla Stato è di soli 275 milioni di euro.”

Sono tre i punti sui quali la Regione concentrerà la propria azione: una rete ospedaliera sempre più adeguata ai cambiamenti, un sistema di cure primarie organizzato ed efficiente, una forte rete logistica di supporto trasversale che affianchi e rafforzi il sistema dei servizi sanitari. In Emilia-Romagna, l’andamento della spesa pro-capite lorda nel periodo 2001-2011 ha registrato un tasso medio di crescita del 3,1% inferiore all’aumento della media nazionale nello stesso periodo (3,3%).

Nel 2012 la spesa farmaceutica complessiva regionale è calata del - 6,1% rispetto al 2011, con una diminuzione anche della spesa farmaceutica convenzionata pro-capite (128,04 euro), inferiore alla media nazionale (153,5 euro).

Ad oggi la rete ospedaliera degli ospedali regionali attualmente dispone di 61 strutture, per un totale di 14.760 posti letto pubblici. I posti letto privati accreditati sono 4.578 contro i 4.586 al 31 dicembre 2012. Nel 2012 l’indice di attrazione di persone che provengono da altre regioni è stato del 13,7% (il 14% nel 2011, il 13,8 nel 2010).

Sono state 103.728 le persone assistite a domicilio nel 2012, in aumento rispetto al 2011 (97.037), quasi raddoppiate rispetto al 2001 (55.000). Nel 2012 erano 30.161 (29.433 nel 2011) i posti residenziali e semiresidenziali convenzionati della rete dei servizi sanitari e socio-sanitari per l’assistenza ad anziani, a persone con disabilità, a persone con disagio psichico, a persone con dipendenze patologiche.

“Tra i dati più interessanti - sottolinea Carini - i tempi medi dei pagamenti ai fornitori sono più che dimezzati rispetto al 2012 e ridotti a circa un terzo rispetto al dicembre 2011. Oggi, mentre sentiamo che altre regioni pagano a volte con oltre due anni di ritardo, in Emilia-Romagna i tempi medi di pagamento per i beni sanitari ed economali sono nell’ordine dei 90 giorni. In tempi di crisi significa consentire ai fornitori di lavorare con maggiore tranquillità senza esporsi eccessivamente con gli istituti bancari.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carini (Pp): «La Sanità emiliano-romagnola un modello da seguire»
IlPiacenza è in caricamento