«Casa di riposo di Cortemaggiore, incapacità politica e amministrativa di Cda e maggioranza»

Inchiesta del Gruppo civico di centrosinistra "Una Vera Cortemaggiore", rappresentato da Federico Ferri, Natale Borasi, Nadia Maffini e Alessandra Tacchini, all'opposizione in Comune nel paese magiostrino

Federico Ferri, Natale Borasi, Nadia Maffini e Alessandra Tacchini

Il Gruppo civico di centrosinistra “Una Vera Cortemaggiore”, rappresentato da Federico Ferri, Natale Borasi, Nadia Maffini e Alessandra Tacchini, all’opposizione in Comune nel paese magiostrino, ha convocato una conferenza stampa, mercoledì 2 marzo alle 18,30 presso il Circolo Arci di in via Colombini, per illustrare l’esito di una inchiesta condotta sulla gestione sull’Ipab “Casa Protetta dottor Gianni Perini” e per spiegare in merito la posizione del gruppo.

«In sostanza - si legga in una nota - la struttura che svolge un ruolo assistenziale per anziani non autosufficienti, con 37 posti disponibili dei quali 23 accreditati in Regione, è in gestione diretta del Comune e vi lavora un numero consistente di personale, tra educatori e fisioterapisti. Si tratta di un istituto pubblico con un consiglio di amministrazione del quale, un membro viene nominato dalla parrocchia (recentemente dimessosi) e quattro dal Comune. Per una legge regionale del 2003 (confermata nel 2013), le Ipab – così come le Asp - dovrebbero perdere il loro status ed entrare nel sistema socio sanitario dell’Unione, per servire un territorio più ampio. Ma l'amministrazione comunale, retta dal sindaco Gabriele Girometta – secondo l’opposizione – avrebbe fatto la richiesta di trasformazione della struttura in Fondazione privata nel 2007, ricevendo però una risposta negativa da parte dell’Emilia Romagna».

«Inoltre nel dicembre del 2015, durante un consiglio comunale, la maggioranza avrebbe sostenuto la volontà di cambiare lo statuto (dell'Ipab) per aggiungere un membro della parrocchia, diventando due, mentre altri tre sarebbero stati sempre di competenza del Comune».

Prosegue la nota: «Fatta un panoramica, il gruppo "Una vera Cortemaggiore" – che ha votato contro a questa trasformazione in consiglio - ha iniziato delle ricerche. Dalle quali sarebbe emerso che “il Perini non è privatizzabile, per questo ci siamo insospettiti" hanno spiegato i componenti della lista civica. "Per privatizzarla, quindi, hanno deciso di aumentare i membri esterni, come prevederebbero le norme, anche se la Regione non considera il membro della parrocchia come socio privato ma come nominato da ente religioso". Secondo l'opposizione, non solo il servizio della struttura per gli anziani non sarebbe privatizzabile ma, secondo i documenti portati all'attenzione dei media, il consiglio di amministrazione che per essere designato dev'essere soggetto a un lungo percorso e all’approvazione della Regione, non è mai stato nominato».

«"È dal 2010 che da Bologna sollecitano la documentazione necessaria a completare l'iter che consenta al presidente della giunta regionale di emanare un decreto di nomina". A questo punto, quindi, il consiglio nominato nel 2007 e scaduto nel 2010, non sarebbe mai stato rinnovato. "Il sindaco avrebbe potuto designare anche gli stessi membri, cosa che non è stata fatta, nonostante sia stato sollecitato. L'ultimo invito è del 2014, quando il primo cittadino ha inviato alcuni nomi ma senza i dettagli e i riferimenti normativi che avrebbe dovuto produrre". Un consiglio di amministrazione che ha assunto personale, gestisce la casa di riposo, partecipa a gare e compie acquisti, ma che non sarebbe legittimato a farlo. "Almeno alla luce dei documenti che il Comune asserisce di avere. Per cui, non solo ci preoccupano le ricadute sui pazienti e sui lavoratori, tutti assunti dalla nuova cooperativa nel 2012, ma anche sul futuro di una struttura così importante. Senza dimenticare i contenziosi che si potrebbero aprire con le cooperative che non si erano aggiudicate il servizio e le aziende che hanno perso le gare per i servizi in questi anni". La lista “Una Vera Cortemaggiore” si è ora affidata al consigliere regionale Gianluigi Molinari (Pd), che ha presentato una interrogazione, chiedendo spiegazioni sulla questione, “per chiedere come mai la Regione non ha vigilato e come intende muoversi a seguito di questa situazione”. E Ferri, Borasi, Maffini e Tacchini hanno aggiunto: “Ci pare evidente che si tratti di un segno di grande incapacità politica e amministrativa, prima di tutto della maggioranza e poi del cda dell’Ipab che è stata avallato”.»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento