Case ai migranti e allarme sicurezza, Lega: “Le nostre tasse svendute a falsi profughi”

La segreteria provinciale della Lega Nord scatena la protesta contro la «schizofrenia amministrativa» della giunta Dosi che «in piena emergenza criminalità e disoccupazione pensa a offrire casa e lavoro agli immigrati e a rifare il campo nomadi»

“I nostri soldi per pagare le case a finti profughi? Non ci stiamo”. La segreteria provinciale della Lega Nord scatena la protesta contro la ‘schizofrenia amministrativa” della giunta Dosi che - in piena emergenza criminalità e disoccupazione - “pensa a offrire casa e lavoro agli immigrati e a rifare il campo nomadi”. Nel mirino la scelta di destinare appartamenti ai migranti usciti da mesi dall’emergenza nordafricana (gli alloggi sono stati consegnati ieri) e gli 88mila euro complessivi stanziati per il campo nomadi di Torre della Razza. “La disoccupazione a Piacenza è quadruplicata in cinque anni. Le cronache riportano di continui omicidi, furti in negozi e abitazioni, scippi, truffe agli anziani e il sindaco, fiancheggiato dall’assessore Giovanna Palladini, pensa a offrire alloggi e lavoro a presunti profughi, da due anni e mezzo a Piacenza, mantenuti a spese dei piacentini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo indignati” rivela il Carroccio. "Le scelte di Dosi e della giunta sono patetiche”. “Se chi ha sacrificato la vita per difendere i ‘sacri e inviolabili’ confini della patria vedesse quale scempio è stato prodotto da chi ha calpestato impunemente questi territori, sicuramente sarebbe disgustato dal lassismo di questa classe politica”. La Lega Nord invoca quindi la “protesta di piazza” contro “le discriminazioni inflitte ai piacentini, trattati come cittadini di serie B, mentre si caricano di agevolazioni, privilegi, percorsi preferenziali immigrati e ultimi arrivati”. “Meglio farebbe il sindaco a concentrarsi sull’eterna questione del degrado di via Roma e dintorni e a pensare alle migliaia di famiglie, pensionati e giovani piacentini che cercano un lavoro senza poter contare sulle decine di 'corsie di servizio' oggi concesse agli immigrati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento