Case di riposo anziani, Tagliaferri: «Rimodulare il numero dei posti letto»

Il consigliere regionale, con un’interrogazione alla Giunta, chiede i dati suddivisi provincia per provincia

Tagliaferri

Sapere quanti siano i posti letto, suddivisi per provincia, nelle residenze per anziani, nelle case di riposo e nelle comunità di alloggio e quante di queste strutture siano accessibili tramite convenzione. A chiederlo, con un’interrogazione alla Giunta, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi).

«L’Emilia-Romagna - spiega il consigliere -, a causa del maggior invecchiamento della popolazione, evidenzia valori superiori alla media nazionale per la gran parte degli indici che descrivono la presenza di anziani in famiglia: in regione le famiglie con anziani sono oltre una su tre, il 38%, e il 26% è composta solo da anziani. Il 60% delle persone ultra 64enni riferisce almeno una patologia cronica, pari a una stima di 610 mila persone. La metà soffre di una o due patologie croniche e il 9% ne ha tre o più. La prevalenza di questi ultimi è più elevata tra le persone con 75 anni e oltre, con molte difficoltà economiche che aumentano al peggiorare delle condizioni di salute: si passa dal 2% degli ultra 64enni in buona salute al 15% di quelli a rischio di disabilità e al 24% di quelli con disabilità”. Inoltre, “il 2% delle persone ultra 64enni è ospitato in una struttura di accoglienza, come ad esempio una Casa residenza anziani o una casa di riposo; questa prevalenza cresce con l’età, raggiungendo il 7% tra gli ultra 84enni, ed è maggiore fra le donne, le persone con bassa istruzione, con rilevanti difficoltà economiche e con disabilità (12%)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I posti in convenzione «sono di gran lunga inferiori rispetto alle reali necessità - sottolinea l’esponente di Fdi - così l’utenza si trova costretta a scegliere fra interminabili liste di attesa oppure ad accedere in via privatistica, aspettando che, forse, si liberi un posto in convenzione». Dunque, Tagliaferri chiede alla Giunta «quanti siano i posti letto, suddivisi per provincia, nelle residenze per anziani, nelle case di riposo e nelle comunità di alloggio e quanti di essi siano accessibili tramite convenzione; quale sia l’attesa media, calcolata per ciascuna provincia, di un anziano per l’accesso a un posto in convenzione e se le tempistiche siano considerate accettabili per l’erogazione del servizio; infine, se si ritenga che i posti a disposizione siano coerenti con le necessità dei diversi territori o, in caso contrario, come si ritenga di rimodulare il servizio per far fronte alle esigenze dei diversi territori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Aggredisce i carabinieri e la security di un locale, poi danneggia un'ambulanza: denunciato

  • Calvino e Don Minzoni: due fratelli positivi al Coronavirus, isolate 54 persone

  • «Ritrovo di pregiudicati», il questore chiude il bar Baraonda: «Pericolosità sociale»

  • «Dovete indossare la mascherina e sedervi al tavolo per bere». Tre clienti aggrediscono il titolare del Tuxedo e sfasciano il locale

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento