Caso Buonanno, Uds con Pallavicini: «Il nostro giudizio sulle persone non cambia quando fa più comodo»

L'Uds: «La Lega attribuisce al consigliere comunale (indipendente da partiti) giudizi sul conto del defunto Buonanno che essa stessa ricava per far parlare di sé, dato che il consigliere in questione non cita mai, di fatto, il buon Gianluca Buonanno»

«"Suicidio romeno in cella? Non me ne frega nulla, uno in meno, soldi risparmiati", "Sono come animali, piu' che a La Mecca dovrebbero andare allo zoo!!!", "Macchè registro (per i gay), schediamoli e regaliamogli una banana", "Se e quando arriveranno dei clandestini dalle mie parti metterò il filo spinato intorno al perimetro del territorio del mio Comune per non farli entrare. Esattamente come si fa con i cinghiali", "La Diaz? La polizia ha fatto bene a picchiare, bisognava dare più botte! Giuliani? Peggio per lui, se l'è andata a cercare". Queste e molte altre le frasi denigratorie pronunciate da Gianluca Buonanno, frasi che denotano il suo profondo spessore politico, culturale e, soprattutto, la sua fortissima umanità. Questa era la persona a cui tutti dovremmo riservare rispetto. E per chi osa non cambiare opinione sulla sua persona dopo la sua morte? Campagne altrettanto denigratorie!». Si legge in una nota dell'Uds, Unione degli studenti di Piacenza. 

«Perché si sa - continuano - post mortem tutti diventano eroi. In tantissimi, però, hanno deciso di non sottomettersi a questo meccanismo infamante, e a considerare questo personaggio non diversamente da come si presentava durante le sue campagne politiche: razzista, omofobo, xenofobo, e chi più ne ha più ne metta. Il suo seguito certo però non si fa intimidire, rispondendo amorevolmente e creando pagine altamente offensive e sessiste contro una ragazza che ha espresso di non essere triste che al mondo ci sia una persona razzista, omofoba e sessista in meno, come "nome cognome la pompinara rossa di Bologna", mentre nella nostra realtà cittadina piovono querele contro il consigliere piacentino Carlo Pallavicini da parte della Lega Nord. Ripetiamo: il nostro giudizio sulle persone non cambia quando fa più comodo, le idee del signor Buonanno (purtroppo) gli sopravvivono, e noi di certo non lasciamo correre così facilmente. Come UdS Piacenza esprimiamo, dunque, il nostro sdegno per l'attacco puramente strumentale subito dal consigliere Carlo Pallavicini da parte della Lega Nord di Piacenza. Per cercare di fare parlare di sè (forse in vista delle future elezioni?), la Lega attribuisce al consigliere comunale (indipendente da partiti) giudizi sul conto del defunto Buonanno che essa stessa ricava per far parlare di sè, dato che il consigliere in questione non cita mai, di fatto, il buon Gianluca Buonanno. Forse era il caso di iniziare la campagna ‪#‎stayhuman‬ un po' prima, non credete cari leghisti?». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento