Caso Morsia-Mangiarotti, il Comune sborsa 167mila euro

Il contenzioso sul ruolo di dirigente della direzione risorse del Comune di Piacenza vedrà Palazzo Mercanti scucire 167mila euro. Per l’incarico, dopo un concorso bandito nel 2012, venne scelto Giuseppe Morsia. Dietro di lui arrivò Massimo Mangiarotti, che però fece ricorso. Diverse le sentenze di questi quattro anni di battaglie legali. Il Tar di Parma ha poi dato ragione a Mangiarotti: il posto sarebbe spettato a lui, Morsia non aveva i titoli per vincere il bando. E così l’ente è costretto a versare al mancato dirigente comunale la differenza tra quanto ha guadagnato in questi anni e quanto gli sarebbe spettato nel ruolo poi ottenuto da Morsia, che nel frattempo ha lasciato il Comune di Piacenza. Somma piuttosto elevata per le casse dell’ente: 167mila euro (4mila sono di spese legali).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento