Castelsangiovanni, Lega: «Cittadini sopraffatti dalla delinquenza»

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento della sezione di Castelsangiovanni della Lega Nord

«La crescita dei reati predatori compiuti da impunite bande di delinquenti, per lo più stranieri, ha raggiunto a Castel San Giovanni livelli insostenibili. La frequenza ormai giornaliera dei reati e la spietatezza con i quali essi vengono perpetrati hanno portato al limite la sopportazione dei cittadini, che si sentono sopraffatti dalla delinquenza e violati nell’intimità delle proprie abitazioni. Nemmeno i siti lavorativi sono più al riparo, mentre edifici e strade rimangono al buio a causa di furti di rame sulle linee elettriche. A poco possono servire gli interventi dell’amministrazione comunale, che ha installato le telecamere per la videosorveglianza e promosso i gruppi di Controllo del vicinato, se le somme lasciate a disposizione dal patto di stabilità - voluto da governi irresponsabili e nemici del popolo - sono una miseria. Poco possono fare anche le forze dell’ordine, presenti in numero ridotto sul territorio e a corto di risorse economiche.

È in questo contesto che i cittadini si sentono abbandonati dalle istituzioni preposte a garantire costituzionalmente la sicurezza e l’ordine pubblico, è questo il terreno fertile per la rabbia che monta ancor più quando le autorità si limitano a dare “buoni consigli” invece di attuare azioni di rinforzo con nuovi mezzi e personale. Suggerimenti, come quello di dotare le case di inferriate, di nessun valore se poi bastano tre colpi di piccone per smurarle nonostante la sirena e la telecamera del sistema d’antifurto in azione. A cosa servono le casseforti se i banditi riescono a farle saltare con l’esplosivo sotto gli occhi dei vicini richiamati dal frastuono dei colpi e dell’allarme? Viene da pensare che questi professionisti del furto si sentano protetti o dall’inefficienza ed insufficienza dei mezzi statali per il contrasto del crimine, o forse da una certa magistratura che, applicando leggi “svuota carceri” promulgate da politici irresponsabilmente garantisti, li libera in giornata. Se esistono ancora uno stato e una dignità istituzionale, è tempo che di farsi carico del problema ed intervenire con misure drastiche, onde evitare il peggio. La Lega Nord si fa portavoce del disagio popolare e chiede fermamente a tutti i responsabili della sicurezza sul territorio un’azione urgente per garantire più sicurezza a tutti i concittadini di Castel San Giovanni».

Lega Nord sezione Medio Po

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento