«Certezza della pena contro i reati predatori»

Rancan (Lega Nord): «Quando i cittadini rischiano la propria incolumità per fermare un ladro, significa che il livello del crimine non è più tollerabile da larghe fasce della nostra società»

«Quando i cittadini rischiano la propria incolumità per fermare un ladro, significa che il livello del crimine non è più tollerabile da larghe fasce della nostra società». Così Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord, sull’arresto del marocchino 24enne accusato di furto ai danni di un venditore ambulante al mercato di San Nicolò di Rottofreno. «Criminalità, insicurezza generale e ampia diffusione dei reati predatori anche nei paesi – commenta l’esponente leghista - hanno sfinito la popolazione: per questo è fondamentale che la politica nazionale dia la priorità alla sicurezza, come si propone la Lega al governo con Matteo Salvini. È necessario che la certezza della pena vada di pari passo con punizioni esemplari per chiunque commetta reati contro il patrimonio. Rivolgo infine i mei complimenti alle persone intervenute nel tentativo di fermare il malvivente e che così facendo hanno agevolato le forze dell’ordine».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento