rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Politica

«Chi cerca una prostituta trova una schiava», la fiaccolata contro la tratta

Anche Piacenza ha celebrato la quarta giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani

Anche Piacenza ha celebrato la quarta giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani, in memoria di Santa Bakhita, schiava sudanese proclamata Santa nel 2000. Lo ha fatto con una fiaccolata che ha preso il via da viale Malta - “Migrazione senza tratta” - per ricordare i 21 milioni di vittime della schiavitù moderna nel mondo. Si stima che siano fra le 75.000 e le 120.000 in Italia le donne vittime di tratta ai fini della prostituzione. Durante le due soste sono state lette storie di tratta tra le quali anche quella di una ragazza ospitata dalla Protezione della Giovane che ha avuto il coraggio di denunciare diventando ora una donna “libera”. L’evento si è concluso con la celebrazione dell’Eucarestia in Cattedrale, da parte del vescovo mons. Gianni Ambrosio. I giovani hanno anche percorso l'ultimo tratto con le catene lasciate cadere sul sagrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Chi cerca una prostituta trova una schiava», la fiaccolata contro la tratta

IlPiacenza è in caricamento