Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

«Chiediamo lo stop al ticket d'accesso al pronto soccorso per chi è contagiato»

La Lega: «Il ticket andrebbe pagato nelle ipotesi di minore gravità, quando cioè al malato viene assegnato un codice non corrispondente a condizioni di urgenza-emergenza come quelle dei pazienti contagiati dal Covid»

La Regione sospenda il pagamento del ticket di accesso al Pronto soccorso a chi risulta affetto da Covid-19. A chiederlo, in un’interrogazione alla Giunta che ha come primo firmatario Matteo Rancan, sono i consiglieri della Lega. «Diversi cittadini ci segnalano che hanno dovuto pagare il ticket di accesso al pronto soccorso nonostante la radiografia eseguita in ospedale accertasse una polmonite interstiziale riconducibile a Covid-19 e i soggetti, da circa un mese, respirassero esclusivamente mediante una bombola d’ossigeno», spiegano i leghisti, che ricordano come «il ticket di accesso al pronto soccorso andrebbe pagato esclusivamente nelle ipotesi di minore gravità, quando cioè al malato viene assegnato un codice non corrispondente a situazioni di urgenza o necessità; caso opposto rispetto alla condizione di questi pazienti, che presentano una condizione di emergenza-urgenza tale da richiedere un immediato intervento diagnostico e terapeutico». Da qui l’interrogazione per sapere se la Giunta intenda «sospendere immediatamente, in tutta la Regione, il pagamento del ticket di accesso al Pronto soccorso per tutti i cittadini a cui viene diagnosticata polmonite interstiziale riconducibile a coronavirus». Oltre a Rancan hanno sottoscritto l'interrogazione Valentina Stragliati, Daniele Marchetti, Michele Facci, Emiliano Occhi, Fabio Bergamini, Andrea Liverani, Matteo Montevecchi, Massimiliano Pompignoli, Simone Pelloni, Stefano Bargi, Fabio Rainieri, Gabriele Delmonte, Maura Catellani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Chiediamo lo stop al ticket d'accesso al pronto soccorso per chi è contagiato»

IlPiacenza è in caricamento