«Città morta e depressa, bisogna restituire la gioia di essere piacentini»

Forza Italia presenta i suoi 32 candidati consiglieri a sostegno di Patrizia Barbieri. Palmizio: «Barbieri è il miglior candidato e Piacenza è la città più contendibile di tutta la Regione». Callori: «Palazzo Mercanti per troppo tempo in mano al centrosinistra. Metteremo mano ai conti pubblici e li aggiusteremo»

Patrizia Barbieri con i candidati di Forza Italia

Forza Italia ha presentato la sua squadra a sostegno di Patrizia Barbieri. Nel giorno del compleanno della candidata sindaco del centrodestra, tutti i vertici del partito – quelli piacentini (Jonathan Papamarenghi e Fabio Callori) insieme a quelli regionali rappresentati dall’onorevole Elio Massimo Palmizio e Anna Borsarelli - hanno messo da parte le incomprensioni del passato recente per sostenere convintamente la corsa alle Amministrative del prossimo 11 giugno. Il partito di Silvio Berlusconi, nel pomeriggio dell’8 maggio, in piazzetta San Francesco, ha reso noti i suoi 32 candidati al Consiglio comunale. Confermato nella lista "azzurra" il consigliere uscente Filiberto Putzu, con altri volti noti come Mauro Saccardi, Sergio Pecorara e Federica Sgorbati, a cui si aggiunge una nutrita pattuglia al femminile e qualche giovane. 

A coordinare la lista ci ha pensato il segretario provinciale Papamarenghi, che ha sottolineato l’importanza di Forza Italia nella coalizione e i suoi princìpi, che non possono essere messi in discussione. «Barbieri – ha aggiunto poi Fabio Callori - ci dà la giusta carica. La lista tiene conto della territorialità di Piacenza e delle tante professionalità a disposizione. C’è bisogno della grande voglia di tutti. Dobbiamo arrivare a conquistare il palazzo del Comune di Piacenza, per troppo tempo in mano al centrosinistra. La nostra battaglia è contro la sinistra di Rizzi, in continuità con quella di Dosi e di Reggi. Una sinistra che accontenta i vari poteri forti di Piacenza e non soddisfa il cittadino. Noi mettiamo il cittadino al centro della nostra azione politica». Callori ha subito indicato la priorità. «Metteremo mano ai conti pubblici del Comune e la sistemeremo, abbiamo le giusta esperienza per farlo. I nostri tre pilastri sono le idee, le persone e il metodo, ovvero quello dell' ascolto. Noi partiamo dalla gente e non dal palazzo con l’ascolto. Abbiamo tutto quello che serve per arrivare al ballottaggio. E poi Barbieri sarà sindaco».

Anche il coordinatore regionale Palmizio ha archiviato le polemiche sulla scelta del candidato sindaco di qualche mese fa. «Abbiamo una coalizione unita, formata da noi, Lega Nord e Fratelli d’Italia, più il quarto petalo del civismo. La città di Piacenza è la più contendibile di tutta la regione. Abbiamo la sfortuna di avere liste civiche di centrodestra contro  – Palmizio sembra riferirsi a Trespidi - ma andremo noi al ballottaggio. Preoccupiamoci di andare contro la sinistra e i 5 stelle e di portare avanti la nostra candidata sindaco. Quella di Forza Italia è una lista valida e il candidato è il migliore sulla piazza».

«Il clima di questi giorni – ha poi dichiarato Patrizia Barbieri, festeggiata con un mazzo di fiori e il lancio di coriandoli - mi sta entusiasmando. Il contatto con la gente è determinante, ci spinge a comprendere che Piacenza non ne può più di questo decadimento e degrado. I piacentini vogliono risollevarsi, sono stanchi di una città che non permette più di vivere serenamente. Il nostro progetto amministrativo è concreto: non siamo per gli effetti speciali e i fuochi d’artificio. Vogliamo che Piacenza sia una città più sicura, e che dia risposte su sanità e giovani. Siamo una città abbandonata dall' Emilia Romagna e dai suoi amministratori di centrosinistra». Barbieri ha criticato ancora l’Amministrazione uscente. «Se questi sono stati “gli anni migliori” promessi da Dosi…Si tocca con mano la depressione di chi vive in città. Piacenza è morta e tutte le occasioni di rinascita sono state calpestate. Dobbiamo liberarla da questa cappa, restituendo ai piacentini la gioia di essere piacentini. La concretezza è solo nostra a queste Amministrative. La sinistra ci ha proposto solo slogan. Solo qui c'è la reale volontà di cambiare». Infine, una stoccata all’ex alleato Trespidi: «Le liste civetta vicine al centrosinistra ci fanno indignare. Non sarà una campagna elettorale facile, ma io sono determinatissima e vorrei che lo foste tutti. La parte giusta è solo la nostra». 

I CANDIDATI:

Patrizia Aldrigo - 48 anni - casalinga
Stefano Betti - 29 anni - impiegato
Bottazzi Marina - 45 anni - dottore commercialista
Federica Carulli - 30 anni - commerciante
Ivan Chiappa – 43 anni - perito assicurativo
Michele Giardino - 48 anni - funzionario Equitalia
Antonio Giatroppi - 45 anni - funzionario pubblico
Chiara Lombardelli – 40 anni - avvocato ed insegnante
Ilenia Magistrali – 40 anni - dottore commercialista
Clara Malvisi - 46 anni - agente immobiliare
Roberto Malvisi - 72 anni - pensionato
Olga Marsico - 61 anni - dipendente ministero pubblica istruzione
Lodovico Patti - 20 anni - studente universitario
Sergio Pecorara - 61 anni - commerciante
Filippo Pedegani - 42 anni - imprenditore settore sportivo
Elisabetta Pedrini - commerciante in pensione
Fabio Pilastro - 56 anni - amministratore condominiale e gestione immobiliare
Carlo Ponzini - 78 anni - pensionato
Laura Postiglioni - 72 anni - insegnante in pensione
Filiberto Putzu - 63 anni - medico chirurgo
Francesco Rabboni - 36 anni - studente
Massimo Rainieri - 58 anni - imprenditore
Mauro Saccardi - 59 anni -commerciante
Antonella Sala – 41 anni - libero professionista settore turismo
Pietro Santini - 67 anni - maresciallo arma carabinieri in pensione
Federica Sgorbati – 42 anni - avvocato
Alessia Sordi – 39 anni - consulente legale
Elisabetta Talpo in Rocca - 47 anni - Branch manager
Rossana Tassi - 62 anni - responsabile patronato
Elisabetta Tinelli – 31 anni - lib. prof. collaboratrice studio legale
Gianna Vigorita - 69 anni - titolare salone di bellezza
Dominik Zorvan - 23 anni - studente universitario

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento