menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Clausola sociale negli appalti, il centrodestra: «Noi coerenti, per il Pd è questione di tifo»

L'intervento della maggioranza a Palazzo Mercanti. Cugini (Pd): «soliti bla bla, vogliamo discuterne in aula»

«È molto triste osservare come per il Pd un tema come la tutela del lavoro sia materia di propaganda politica. La coerenza dovrebbe essere la vera clausola sociale, soprattutto per chi amministra la cosa pubblica e quando si ha a che fare con servizi per i cittadini, ma evidentemente per i rappresentanti di una sinistra che non c’è più anche le clausole sociali degli appalti sono questioni da tifo da stadio». Il centrodestra di Palazzo Mercanti rispedisce al mittente le accuse di incongruenza rivoltegli dai consiglieri del Pd sul tema delle clausole sociali negli appalti pubblici. «Abbiamo assistito – proseguono i capigruppo di maggioranza tra i banchi di Palazzo Mercanti - allo sbraitare indignato dei consiglieri piddini di fronte ad appalti per la mancanza dell’esplicitazione su carta della clausola sociale, ergendosi a paladini dei lavoratori. Ugualmente abbiamo assistito all’esultanza scomposta di fronte all’esito a loro gradito di un altro bando che quella clausola conteneva, registrando poi un imbarazzante e imbarazzato silenzio e una difesa d’ufficio quando abbiamo sottolineato come quella clausola a nostro avviso non fosse stata rispettata». «Noi, al contrario – concludono gli esponenti del centrodestra - siamo cresciuti con il principio della tutela del lavoro sopra ogni spirito di fazione e della necessità di garantire sempre il servizio migliore per i cittadini: questa è la nostra coerenza sempre. Evidentemente per il Pd è un concetto invece valido a corrente alternata».

CUGINI: «SOLITI BLA BLA, VOGLIAMO DISCUTERNE IN AULA»

«Ai bla bla bla della destra – commenta il capogruppo del Partito Democratico Stefano Cugini - peraltro poveri, in un lessico sempre uguale a se stesso, risponderemo in commissione. Noi rispettiamo i luoghi istituzionali del dibattito. Abbiamo fatto una formale richiesta di convocazione e non ci accontenteremo certo di un confuso starnazzare a mezzo stampa. Quando si parla di contratti di lavoro, serve rispetto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nell'ultima settimana contagi in calo del 33% nel Piacentino

  • Attualità

    A Ottone una via dedicata alla Giornata della Memoria

  • Cronaca

    Covid-19, altri 83 nuovi casi e sei decessi nel Piacentino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento