rotate-mobile
Politica

«Clima che cambia, mancata un'attività seria di pianificazione in questi ultimi trent'anni»

La riflessione di Giampaolo Maloberti, consigliere provinciale delegato all'Agricoltura

«Il clima è cambiato, certo. Bisogna prenderne atto e comportarci di conseguenza. In attesa del ritorno a una presunta normalità, occorre mettere in atto tutte le misure - nessuna esclusa - compresi i piccoli accorgimenti. È mancata un'attività seria di pianificazione in questi ultimi trent'anni. Per colpa di chi? Sicuramente di un ambientalismo fine a se stesso, che non ha valutato le conseguenze di certe scelte. L'ideologia del "no" ci ha portato in questa situazione». A dirlo Giampaolo Maloberti, consigliere provinciale delegato all'Agricoltura.

«Colpa anche di una certa politica? Sicuramente sì. Anche il mondo agricolo ha colpe? Sicuramente sì, perché si è chiuso su se stesso e non è stato in grado di far capire l'importanza vitale del proprio lavoro. L'agrifood italiano rappresenta il 12% del Pil ed è la seconda manifattura del Pese. Il Covid  - dice - ha dimostrato che non si può fare a meno di due cose: mascherine e pane. E la guerra in Ucraina ha dimostrato che non si può fare a meno del pane. Una pandemia e una guerra sono servite a dimostrare che il cibo non è scontato».

«La sostenibilità è un processo che necessita di tempo: deve essere ambientale, ma senza perdere di vista economia e temi sociali. Transizione significa accompagnare progressivamente, e non cambiare improvvisamente senza valutare le conseguenze. Dal 1990 ad oggi l'agroalimentare italiano nel suo complesso ha ridotto del 18% le emissioni di Co2. Tutta l'Italia, nello stesso periodo, del 5%. L'agricoltura italiana produce il 5% della Co2 nazionale. L'agricoltura francese arriva al 20%. E l'agricoltura ha bisogno dell'acqua, così come la zootecnia per produrre foraggio».

«L'acqua è vita, perciò non può essere oggetto di conflittualità. Servono invasi, laghetti interaziendali e opere di derivazione. Ciò che può soddisfare tutte le esigenze potabili, irrigue, ambientali e per la produzione di energia deve essere valutato e realizzate. In Italia si riesce a stoccare solo l'11% dell'acqua piovana in esubero. Nell'immediato, insomma, serve un intervento urgente dei ministeri delle politiche agricole e forestali e della transizione ecologica per affrontare questa emergenza che non è solo agricola ma anche ambientale, economica e sociale, forse senza precedenti. Occorrono misure straordinarie  - dice - per approvare lo stato di emergenza nelle regioni interessate, oltre a deroghe agli attuali protocolli. Non possiamo sottostare ai tempi della burocrazia in questo momento».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Clima che cambia, mancata un'attività seria di pianificazione in questi ultimi trent'anni»

IlPiacenza è in caricamento