Colosimo (Pc Viva): «Limitatori di velocità e dissuasori davanti all’asilo Pettirosso»

Una mozione di Marco Colosimo (Piacenza Viva) chiede l’installazione di limitatori di velocità in prossimità dell’Asilo Nido Comunale "Pettirosso"

Premesso che

L’Asilo Nido Comunale ‘’Pettirosso’’ presso il Quartiere Besurica conta ormai 57 iscritti circa. Rilevato che il traffico veicolare risulta essersi estremamente intensificato specialmente negli orari di entrata e di uscita dei bambini dall’Istituto. Rilevato inoltre che la via di accesso,Via Arturo Pettorelli , risulta essere diventata una sorta di ‘’scorciatoia’’ per l’accesso all’intersezione delle Loc. Veggioletta.

Considerato che

è compito dell’Amministrazione garantire la sicurezza anche stradale di tutti gli utenti che accedono alla struttura in oggetto.

Considerato inoltre

che sono numerose le richieste di intervento da parte dei genitori che richiedono un intervento volto a ridurre il traffico veicolare e la velocità degli stesso automezzi che transitano nelle immediate vicinanze dell’Asilo

IL CONSIGLIO COMUNALE DI PIACENZA Esprime Orientamento favorevole affinché Il Sig. Sindaco e la Giunta Comunale del Comune di Piacenza mettano in atto tutte le azioni a loro possibili, per garantire la sicurezza stradale attraverso l’installazione di dissuasori e/o limitatori di velocità nella Via di accesso principale all’Asilo Nido Comunale ‘’PETTIROSSO’’.

MOTIVO DELL’URGENZA: la richiesta di intervento degli utenti interessati all’Asilo Nido per tutelare fasce deboli e sensibili come i bambini e i loro accompagnatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento