rotate-mobile
La seduta

Torna il Consiglio, 320mila euro alla Ricci Oddi per “oneri di gestione”

Variazione di bilancio per l’Amministrazione: spuntano anche 1,5 milioni di euro da versare al Demanio

Consiglio comunale di Piacenza convocato per le 15 di oggi, lunedì 23 ottobre, a Palazzo Mercanti. I consiglieri sono chiamati a discutere e votare un’altra variazione di bilancio. Variazione che, ad esempio, vede lo stralcio dello “skate park”, la pista di pattinaggio, dal costo di 300mila euro, che non verrà realizzata in via Penitenti entro la fine dell’anno ma solo in futuro.

Tra le voci, anche 320mila euro di oneri di gestione per la galleria d’arte moderna “Ricci Oddi”, che ancora incide notevolmente sulle casse comunali. In questo modo soltanto per il 2023 l’ente ha stanziato 520mila euro (il contributo annuale tradizionale è di 200mila euro) di risorse per la Ricci Oddi. Tutto questo a fronte di 6mila biglietti staccati ed entrate per soli 60mila euro, dopo l’eccezionale 2022 (75mila visite con 111mila euro di incassi per la mostra dedicata a Gustav Klimt).

Il Comune si trova costretto a versare 1,5 milioni di euro di arretrati all’Agenza del Demanio per mancati introiti dal 2015 per beni immobili ceduti attraverso il meccanismo del federalismo demaniale. Un meccanismo che ora si rileva “perverso”: il Demanio aveva ceduti alcuni immobili a Piacenza, e ora ogni anno pretende che venga versata una quota delle entrate che quegli immobili garantivano.

La seduta inizierà alle ore 15 e terminerà alle 19. È possibile seguirla dal vivo, tra il pubblico, a Palazzo Mercanti, oppure in streaming sul sito del Comune di Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il Consiglio, 320mila euro alla Ricci Oddi per “oneri di gestione”

IlPiacenza è in caricamento