Il segnale

Consiglio, le minoranze e Ceccarelli disertano la conferenza dei capigruppo

Ancora nel mirino l’operato della presidente Paola Gazzolo: salta la riunione che ha il compito di calendarizzare l’attività consiliare

Salta la conferenza dei capigruppo, il momento nel quale - a porte chiuse - si decide il programma dei lavori consiliari dei prossimi giorni a Palazzo Mercanti. Prosegue il malumore di una parte dell’aula nei confronti della presidente Paola Gazzolo, nel mirino da tempo delle opposizioni, ma anche di qualche esponente del centrosinistra uscito allo scoperto.

Alla seduta in programma nella serata di ieri, 22 giugno, erano presenti soltanto Andrea Fossati (capogruppo Pd), Boris Infantino (per Piacenza Coraggiosa) e Luca Dallanegra (in sostituzione della capogruppo Claudia Gnocchi). Assente il quarto capogruppo del centrosinistra, Gianluca Ceccarelli (Piacenza Oltre), che da qualche settimana ha deciso di mandare un segnale politico alla maggioranza, non partecipando a queste riunioni, in disaccordo con la gestione della presidente Gazzolo.

La seduta di ieri non aveva i numeri necessari per il suo svolgimento perché l’intera opposizione non ha voluto partecipare. Assenti Patrizia Barbieri (Civica Barbieri-Liberi), Sara Soresi (Fratelli d’Italia), Luca Zandonella (Lega),  Stefano Cugini (Alternativa per Piacenza) e Filiberto Putzu (Liberali). Nel centrodestra, ad esempio, si fa notare la gestione dei lavori degli ultimi giorni, con una serie di commissioni convocate - a detta dei consiglieri, con «poco preavviso» - e un intasamento dell’attività, inconciliabile con gli impegni professionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio, le minoranze e Ceccarelli disertano la conferenza dei capigruppo
IlPiacenza è in caricamento