menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Costi di gestione 2008: il Consiglio ha speso 258 mila euro

Ieri le stime, oggi le cifre ufficiali delle spese sostenute dall'amministrazione comunale piacentina per le sedute del Consiglio e delle cinque commissioni. Il risparmio c'è stato, ma è di 8 mila euro inferiore rispetto a quanto stimato ieri

In bilancio, per mantenersi “larghi” avevano stanziato 290 mila euro. Ma le spese effettive per far funzionare il Consiglio comunale e le commissioni consiliari, sono state minori del previsto. In tutto, 258 mila euro, con un risparmio di 32 mila euro. Ecco, in dettaglio, le voci di spesa.

In gettoni di presenza (81 euro lordi ciascuno), per i quaranta consiglieri comunali piacentini, sono stati spesi 223.425 euro, cui vanno aggiunti anche i 35.132 euro che spettano, a titolo di indennità, al presidente del Consiglio comunale Carini. Totale? 258. 557 euro, a fare i pignoli.
Spesi per Palazzo Mercanti 258 mila euro in riunioni del Consiglio

Ma sono cifre destinate ancora ad essere scorporate: 128.547 euro sono stati spesi solo per le riunioni consiliari. La restante quota, invece, è servita per sovvenzionare l'esistenza (e la presenza ) delle cinque commissioni. Quanto hanno speso? La più cara è stata la commissione 3, con 16.569 euro; segue la commissione 1 con 14.301 euro, la 2 a quota 12.978 euro, la commissione speciale per le aree militari (adesso sciolta), costata nel 2008, 11.655 euro. Chiude la lista la commissione 4, che è stata la “più economica”, con un budget speso di 10.836 euro.

Per le riunioni dei capigruppo, invece, sono stati spesi poco più di 28.500 euro, considerato che ogni gettone di presenza, in questo caso, “vale” 63 euro lordi e va corrisposto ad ogni consigliere, presente in aula anche pochi minuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento