«Criminalità in strada, è ora che si aprano le porte del carcere»

I parlamentari leghisti Murelli e Pisani: «Tolleranza zero. Dell’aggressione ai poliziotti e dell’accoltellamento in via Torricella abbiamo informato Salvini»

Pietro Pisani e Elena Murelli

Solidarietà e vicinanza agli agenti feriti in stazione (uno di loro ha passato la notte al Pronto soccorso) da un cittadino tedesco, condanna e indignazione per i continui episodi di violenza che vedono come vittime le Forze dell’ordine e i cittadini. I parlamentari della Lega, Elena Murelli e Pietro Pisani, hanno informato degli ultimi episodi avvenuti in città anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. I parlamentari chiedono tolleranza zero: «E’ impensabile che chi abita in certi quartieri della città debba sopportare degrado e delinquenza, come l’accoltellamento di un nigeriano in mezzo alla strada in via Torricella. In questo e in tanti altri casi, i responsabili sono molto spesso immigrati. Alle anime belle dell’accoglienza a tutti costi chiediamo se non si tratti di un razzismo al contrario, visto che in questi giorni la sinistra se ne riempie la bocca. Pur rispettando il Codice penale, è ora che gli autori di violenze e spaccio di droga - tra cui tanti sedicenti profughi richiedenti asilo - passino un po’ di tempo in carcere». Murelli e Pisani concludono: «Il problema è la legalità, non il colore della pelle. I tanti immigrati coinvolti in episodi criminali non hanno appreso nulla della vita in comunità e del rispetto delle regole. Un segno che la tanto decantata integrazione sbandierata dalla sinistra non ha funzionato. E allora, si applichi la legge. Fino in fondo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento