Crocifisso: Lega a quota 4mila firme, Bergonzi (Pd) “Liberateci dai manifesti”

I banchetti della Lega Nord sono arrivati a raccogliere 4mila firme contro la sentenza della Cedu sul Crocifisso. In programma altri gazebo nel week-end. Bergonzi (Pd): via i cartelloni della Lega, Cristo è utilizzato come  “testimonial” indegnamente

Continua a spron battuto la campagna della Lega Nord in difesa del Crocifisso. La raccolta firme è arrivata a quota 4mila e nel week-end sono in programma nuovi gazebo a Besenzone, Rivergaro e Gazzola. Pure i manifesti del Carroccio contro la sentenza Cedu tengono ancora banco in città e provincia, con le gigantografie 3x6. E proprio sulle gigantografie si indigna Marco Bergonzi, capogruppo dei democratici in Consiglio provinciale: “Questa inqualificabile campagna pubblicitaria vede Cristo in croce utilizzato come  “testimonial”, indegnamente affiancato dal simbolo della Lega. Misero alibi è quello della sentenza della corte europea che imporrebbe la rimozione del crocifisso dagli edifici scolastici italiani: la sentenza non c’entra nulla, a questa siamo tutti contrari”.

Sui manifesti, già un mese fa, aveva sollevato perplessità anche il segretario provinciale del Pd, Paolo Botti, definendoli una inutile strumentalizzazione.  Poi l'appello di Bergonzi: “Dieci giorni fa ho chiesto pubblicamente la rimozione dei cartelloni in questione, nessuna risposta;  ora siamo a dicembre, possiamo chiedere che almeno in occasione del Natale si possano togliere?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento