menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo prezzo del grano, Foti: "Tutelae occupati e produzione"

Il consigliere regionale interviene anche sul Pac: "No all'obbligo di Partita Iva per gli agricoltori"

“I produttori dell’Emilia Romagna hanno perso più di 70 milioni di euro per il crollo dei prezzi del grano diminuiti rispetto allo scorso anno (il 43% per il grano duro e il 19% per il tenero), senza che questo abbia portato benefici ai consumatori”. Lo scrive Tommaso Foti (Fdi-An) in una risoluzione per chiedere alla Giunta di tutelare gli occupati nel settore, le produzioni agricole regionali e la qualità del made in Italy, messi a rischio dal ribasso dei prezzi del grano e dall’invasione di prodotto straniero che, a volte, risulta di scarsa qualità e privo di controlli.  Il consigliere chiede anche che le competenti autorità “intensifichino i controlli fitosanitari sulle importazioni di grano dall’estero, in particolare da Paesi extracomunitari quali l’Ucraina (ove sono utilizzati prodotti e fitosanitari vietati da anni in Italia e in Europa), e ciò al fine di una maggiore tutela della salute dei consumatori”.  Nel documento, il consigliere chiede infine di rendere “obbligatoria l‘indicazione in etichetta della provenienza geografica del grano utilizzato per la realizzazione di pane e pasta, lasciando così ai consumatori la libertà e l’opportunità di scegliere consapevolmente quali prodotti consumare e di premiare quindi la qualità del prodotto made in Italy”. Per Foti “la mancanza dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine del grano impiegato nella produzione è un problema che incide notevolmente sulla crisi del settore. Appare pertanto indispensabile mettere in atto misure adeguate che tutelino sia i produttori sia i consumatori e che consentano di restituire un futuro al grano italiano, in particolare: l’obbligo di indicare in etichetta l’origine della materia prima utilizzata nella pasta e nei derivati/trasformati; l’indicazione della data di raccolta; il divieto di utilizzare un prodotto extracomunitario oltre i 18 mesi dalla data di raccolta e di fermare le importazioni selvagge a dazio zero”. 

AGRICOLTURA. PAGAMENTI PAC, FOTI (FDI-AN): NO ALL'OBBLIGO DI PARTITA IVA PER GLI AGRICOLTORI

La normativa nazionale e comunitaria non obbliga gli agricoltori al possesso della partita Iva per percepire i pagamenti della Pac (Politica agricola comunitaria) della Comunità europea. Nonostante ciò, l‘Agenzia pubblica per i controlli in agricoltura (Aciu) ha introdotto un nuovo requisito al fine dell’individuazione dell’agricoltore attivo ovvero ha disposto che sia indicata la data di apertura della partita Iva o, nel caso di partita Iva già presente ma attiva in un ambito diverso da quello agricolo, la data di estensione dell’attività al regime agricolo. Lo scrive Tommaso Foti (Fdi-An) in una interrogazione alla Giunta per chiedere alla Regione di “assumere iniziative, anche presso il ministro delle Politiche agricole, per evitare che i piccoli produttori agricoli dell’Emilia-Romagna, già colpiti dalla lunga crisi che sta attraversando quel comparto, possano essere danneggiati da quella che appare una illegittima e iniqua interpretazione delle norme che contrasta con quanto dispongono i regolamenti comunitari e la legislazione nazionale”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento