Politica

Dal Governo la doccia fredda: saltano 4,5 milioni di euro per l’Archivio di Stato

Dei sei milioni di euro attesi per lo spostamento dell’archivio nell’ex caserma Cantore ne arriva solo 1,5. Foti (Fratelli d'Italia): «Un'altra botta per Piacenza»

Brutta battuta d’arresto per il trasferimento dell’Archivio di Stato di Piacenza, oggi collocato in gran parte presso Palazzo Farnese, nella ex Caserma Cantore. La doccia fredda viene dalla risposta resa dal sottosegretario ai Beni Culturali, Gianluca Vacca, all'interrogazione del parlamentare piacentino Tommaso Foti. Nel mese di gennaio, infatti, il deputato di Fratelli d'Italia aveva chiesto, in seguito a una segnalazione fatta proprio da IlPiacenza.it sulla questione, lumi «sull’iter di erogazione dei finanziamenti stanziati per la realizzazione degli interventi necessari al trasferimento dell’Archivio di Stato presso la ex Caserma Cantore». Il sottosegretario ai Beni ed alle Attività Culturali ha spiegato che «la somma di sei milioni di euro per l'Archivio di Stato di Piacenza - stanziata con decreto ministeriale a novembre 2018 - poiché risulta destinata al completamento dei lavori di ristrutturazione di una nuova sede, non appare compatibile con le finalità del decreto, con il quale sono finanziati interventi per la sicurezza del patrimonio culturale, con particolare riferimento alla prevenzione dei rischi di incendio». L’esponente del Governo ha dato notizia di come, in seguito a nuove ricognizioni tenutesi nei mesi di gennaio e febbraio, la somma da destinarsi all’Archivio di Stato di Piacenza è stata ricalcolata in 1.442.178,26 euro. «Detta somma – ha sostenuto il sottosegretario Vacca - rappresenta l'importo necessario alla progettazione e alla realizzazione delle opere ai fini degli adempimenti in materia di sicurezza antincendio». Foti non ci sta e, nella sua replica in Commissione Cultura, ha ricordato che «da ben 21 anni l’Archivio di Stato di Piacenza attende di poter essere collocato nell’ex Caserma Cantore. Le risorse assegnate dal Ministero sei mesi fa – ha tuonato il deputato di Fratelli d’Italia – oggi vengono fatte a fette e consentono di realizzare lo svolgimento di solo una parte dei lavori necessari il che di fatto pregiudica la possibilità di utilizzare a breve l'ex Caserma Cantore come unica sede della sezione piacentina dell'Archivio di Stato». «Con questa decisione del Governo – ha rimarcato Foti – lo spostamento dell’Archivio risulterà sospeso chissà ancora per quanti anni. Una mortificazione che la città di Piacenza di certo non merita. Il Ministro dei Beni Culturali batta un colpo e individui su altri capitoli di bilancio del Ministero i 4,5 milioni di euro oggi inopinatamente tolti a Piacenza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Governo la doccia fredda: saltano 4,5 milioni di euro per l’Archivio di Stato

IlPiacenza è in caricamento