menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gloria Zanardi

Gloria Zanardi

Dalle politiche sociali a quelle giovanili: il report 2015

Il report del lavoro delle deleghe affidate al consigliere provinciale Gloria Zanardi: le politiche sociali, giovanili e pari opportunità

Il report del lavoro delle deleghe affidate al consigliere provinciale Gloria Zanardi: 

- Politiche sociali provincia di piacenza avvocato Gloria Zanardi?periodo ottobre 2014 – dicembre 2015

· avvio corsi rivolti alle coppie aspiranti all'adozione questo nuovo corso sarà articolato in 4 sessioni pomeridiane; sarà tenuto da una psicologa e da un'assistente sociale, entrambe esperte nel percorso adottivo.?per quanto riguarda la tematica dell'adozione internazionale, in questo corso, verrà garantito il supporto informativo di Aipa onlus (associazione italiana pro adozioni), uno degli enti autorizzati all'adozione internazionale che da tempo collaborano con la provincia di piacenza e che si alternano nelle attività.?sono ancora aperte le adesioni: l'avvio del corso è infatti previsto dopo la metà di novembre.

· avvio corsi adulti accoglienti?corso di formazione specifica di 24 ore?rivolto ai nuclei interessati a gestire o aprire una comunità familiare, una comunità casa famiglia, una comunità per l'autonomia e una comunità gestanti e madre con bambino ai sensi della dgr. 1904/2011 e successive modificazioni, par. 2.2.1.

· avvio confronto con ufficio di supporto alla conferenza socio-sanitaria

Con l'obiettivo di gestire e presidiare le funzioni con il ritorno alla regione delle stesse essendo queste localmente in carico alla Ctss.

· adozione piano provinciale a sostegno delle politiche sociali anno 2015

– area immigrazione – scheda 4?si è lasciato integralmente ai distretti (comuni capo-fila) i 9000 euro di fondi per il cd piano immigrati" - 3000 ciascuno - per favorire l'integrazione (3° anno

Consecutivo che a fronte della forte diminuzione delle risorse queste sono destinate direttamente al territorio)?–) area minori scheda 1?si è attivato il supporto a Svep informatico statistico alla programmazione in ambito minori coordinando le banche dati a questo dedicate per facilitare la programmazione, ancorché in fase di ritorno alla regione delle funzioni

         · mantenimento del coordinamento nella rete anti- discriminazione ?

         · partecipazione al Tavolo sul welfare organizzato dalla fondazione di piacenza e vigevano ?

         · 11.05.2015 partecipazione al convegno a parma “promozione e protezione dell'infanzia e dell'adolescenza” incontro con il garante dell'Emilia Romagna per un confronto tra le province di piacenza e parma ?

         · avvio del progetto di studio in tema “Tutela minori” in collaborazione con la fondazione Zancan ?lo studio ha indagato a livello locale i diversi portatori di interesse, approfondendo i nodi delle relazioni operative: autorità giudiziaria, servizi sociali territoriali, avvocati.?a conclusione del progetto: ?

· organizzazione 30 novembre 2015 seminario "Intese interistituzionali tra giustizia e servizi psicosociali a protezione dei minori: gli strumenti dei tavoli e dei protocolli di collaborazione"

Politiche giovanili Provincia di Piacenza consigliera provinciale Gloria Zanardi periodo ottobre 2014 - dicembre 2015

Progetti AzionEProvincegiovani e ANG

• Progetto MERY - Memory of History

Iniziativa Be@ctive Agenzia nazionale Giovani

Il progetto è promosso dall'UPI, finanziato dall'Agenzia nazionale giovani nell'ambito dell'Iniziativa BE@ctive.?Progetto che mira ad utilizzare le tecnologie del web 2.0 con la ricerca delle nostre radici, un progetto per la riscoperta da parte dei giovani delle tradizioni del nostro territorio si è concluso con un concorso per i ragazzi dai 12 ai 19 anni.

Il progetto è coordinato dal Settore Politiche giovanili della Provincia ha visto la collaborazione del Comune di Piacenza, dell'Istituto Comprensivo di Fiorenzuola d'Arda, del Comune di Bettola e del Comune di Borgonovo. Finanziato per 45.000.

Prodotto realizzato?

Il concorso finale My MEMORIES, rivolto ai ragazzi tra i 12 e i 19 anni, conclusosi il 31 agosto, aveva come finalità? quella di

stimolare la capacità propositiva e la cittadinanza attiva nei giovani, per incentivare la partecipazione consapevole alla vita della comunità? attraverso le TIC e il web 2.0; promuovere il coinvolgimento alla vita della propria comunità, l’educazione civica e la memoria storica come strumento di autoidentificazione, inclusione e coesione sociale.?

S i t o  w e b: https://www.memoryofhistory.it - Piattaforma tecnologica web a disposizione dei giovani cittadini e di tutta la popolazione del territorio coinvolto dal progetto finalizzata alla conservazione della memoria storica locale.

Gli obiettivi che si è inteso raggiungere con la sua realizzazione:?promuovere l’educazione civica, la memoria storica in linea con gli obiettivi EU2020; sviluppare e diffondere una piattaforma tecnologica web a disposizione dei giovani cittadini e di tutta la popolazione del territorio coinvolto dal progetto; promuovere la cittadinanza attiva dei giovani e lo sviluppo della società della conoscenza, la cultura digitale e l’utilizzo da parte dei giovani delle ITC per il territorio; realizzare per la prima volta la “Settimana della Memoria Storica” come evento da ripetersi annualmente sul territorio e proporlo come evento istituzionale europeo.?Il focus del progetto è stato la realizzazione di una piattaforma tecnologica web con la funzione di raccogliere i vari materiali prodotti dai ragazzi del territorio sui temi delle tradizioni, dei costumi, dell'identità locale, della memoria storica, della cittadinanza attiva ecc. Questa piattaforma è fruibile da tutti coloro che possiedono conoscenze, competenze e abilità in relazione alla tematica proposta. Potrebbe diventare un contenitore multimediale a salvaguardia delle tradizioni e dell’identità cultura specifica di ogni territorio.

Numero e tipologia di beneficiari coinvolti nella sua realizzazione/ sperimentazione: I beneficiari diretti del progetto sono stati circa 500 studenti di età compresa tra gli 11 e i 19 anni e quelli indiretti sono amici del target group, famiglie, insegnanti, persone detentrici delle tradizioni, associazioni, aggregazioni no profit e persone che usano la piattaforma.

Eventuali misure di sostenibilità del prodotto/strumento previste a conclusione del progetto: si auspica la prosecuzione del progetto con l'implementazione e l'arricchimento della Piattaforma come testimonianza di interesse e partecipazione sociale.

• Progetto “Free Breeze”'iniziativa “No Bulls Be Friends”?Progetto “Free Breeze”, ammesso al finanziamento nell'ambito dell'iniziativa “No Bulls Be Friends”( 8500,00 euro) lanciata dall’Unione delle Province d’Italia e dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “No Bulls Be Friends”, nato per sensibilizzare i giovani sul fenomeno del bullismo, vede come beneficiari diretti gli studenti degli Istituti Superiori delle province partecipanti che saranno coinvolti, attraverso un concorso, in laboratori di approfondimento sul tema del bullismo e attività.

Il progetto piacentino, promosso e coordinato dalla Provincia con la collaborazione del Comune di Piacenza, dell'Ausl e dell'Associazione Manicomics, vedrà protagonisti gli studenti dell'I.S.I.I. “G. Marconi”, del Liceo Scientifico “Lorenzo Respighi” e dell'Istituto “Tramello – Cassinari”.?

Il progetto, in sintesi, prevedeva lo sviluppo di tre fasi condotte da Manicomics Teatro. La prima fase, di incontri formativi dal titolo "Bullo sarai tu!", si è sviluppata sotto forma di conferenze-spettacolo, sessioni di lavoro teatrale e di rappresentazione con gli attori di Manicomics dedicate a tre classi per ogni Istituto coinvolto. La seconda fase di Scrittura creativa autobiografica, condotta da Manicomics, ha coinvolto due gruppi interclasse per ogni Istituto. Attraverso l’analisi dei media particolarmente vicini ai giovani (pubblicità, cinema, videoclip e social network) e dei comportamenti a rischio (guida in stati alterati, uso di sostanze e alcool) si sono elaborati i contenuti per la scrittura drammaturgica collettiva che è stato portata in scena nella terza fase.

Prodotti realizzati:

La terza fase di laboratorio teatrale ha portato alla produzione di uno spettacolo finale “Tu Bullo Non Bello” realizzato da un gruppo interclasse delle scuole coinvolte. Lo spettacolo finale è stato presentato al termine del progetto ed aperto al pubblico al teatro S. Matteo il 5 giugno 2015?Durante lo spettacolo è stato registrato un Trailer dello stesso che è stato mandato a Roma all'UPI per partecipare ad un concorso finale.

• Conclusione Progetto YEC (Young European Citizen) premiazione concorso Giffoni film festival

Conclusione progetto YEC (Young European Citizen) iniziato dall'Agenzia Giovani e dall'UPI nell'ambito del programma AzioneProvinceGiovani che è stato finanziato con un contributo di 119.996,75 euro. Il progetto ha avuto come obiettivo generale il rafforzamento e la promozione dell’identità europea in Italia, coinvolgendo i giovani italiani e stranieri di seconda generazione. In collaborazione con Associazione Marco Bellocchio e il Giffoni film Festival.

Prodotti finali:

• produzione del Cortometraggio “La Tela” girato a Bobbio ad agosto 2015 da 23 corsisti insieme al Regista Rubini e con la supervisione di Marco e Piergiorgio Belloccio tramite la Scuola di Cinema di Marco Bellocchio a Bobbio, sui temi della cittadinanza europea.

Il filmato, realizzato da 23 giovani nell'agosto scorso, è stato presentato a Roma presso la sede della delegazione italiana all'Unione Europea e a Bruxelles nella sede del Parlamento europeo ed è stato presentato agli alunni delle Scuole di Comuni Partners coinvolti: Borgonovo, Cadeo, Bobbio, Pontenure

• Concorso “One and Different Essere giovani in Europa” promosso dalla Provincia in collaborazione con il Giffoni film festival.

Il concorso che aveva l'obiettivo di rafforzare i legami tra i giovani ed i giovanissimi e il senso di appartenenza all'Europa ed il sentirsi cittadini europei, prevedeva due sezioni in concorso: giovani dai 13 ai 30 anni (gli studenti delle scuole secondarie e gli universitari hanno realizzato i cortometraggi in modo autonomo con smartphone e tablet) e giovanissimi dai 6 ai 12 anni (frequentanti le scuole primarie e secondarie fino ai 12 anni che hanno lavorato nell'ambito del lavoro di classe. In entrambi i casi si trattava di realizzare microfilmati di 90 secondi sul tema della cittadinanza europea. Questi i premiati (i premi assegnati):?

sezione giovani

1° classificato Amel Silnovic con “Europa portatrice di sicurezza” (Ipad)?

2° Veronica Terribile con “One memory and different connection” (Ipad)?sezione giovanissimi?

1° classificato scuola primaria di Travo (istituto comprensivo di Bobbio) con “One and different european smiles” (video camera)

2° classificato terzo circolo didattico di Piacenza con “Da fratello a fratello” (macchina fotografica)?

3° pari merito scuola primaria di Pianello con “Tutti uniti legati in un'unica bandiera” e la scuola primaria di Pecorara con “La spesa” (Cofanetto film Giffoni).

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento