menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Micheli da un anno al governo: «Diverse sfide per Piacenza, non sarò spettatrice»

Il sottosegretario traccia un bilancio della sua esperienza governativa: «Come territorio non dobbiamo presentarci con complessi d'inferiorità a discutere delle Aree Vaste. La legislatura verrà portata a termine, anche con una discreta soddisfazione per gli italiani. Confermo la mia disponibilità verso tutti, anche quelli che non sono disponibili con me»

«Un anno al governo, un anno al servizio del Paese». Con questo motto Paola De Micheli ha voluto radunare iscritti e militanti del Partito Democratico nella sede di via Martiri della Resistenza per tracciare un bilancio del suo primo anno al governo. Il 10 novembre 2014 fu infatti chiamata dal premier Matteo Renzi a ricoprire l’incarico di sottosegretario all’Economia, con deleghe alle Dogane e ai Monopoli, al Cipe, alla ricostruzione dell’Abruzzo, ai comuni in dissesto, a Roma Capitale e all’attuazione del programma.

«Ci tenevo a raccontare ai piacentini – ha spiegato il sottosegretario De Micheli - le sfide vinte e quelle non ancora completate per condividere con il territorio, con la mia gente, le questioni locali e nazionali, che sono legate. Tanti piacentini mi fanno avere le loro opinioni su diversi temi. Io prometto ancora tanta disponibilità per tutti e tanta voglia di fare per Piacenza, cercando il più possibile di tenere unite le forze migliori della nostra società. M’impegnerò sempre per il mondo del lavoro e delle imprese: conosco bene le problematiche di questi settori, ma faccio notare che la ripresa si sta facendo sentire. La mia disponibilità è verso tutti, anche verso quelli che non mi sopportano e che non sono a loro volta disponibili nei miei confronti. Sono una combattente e ci sono delle sfide nei prossimi due-tre anni per questa città e non voglio certo viverle da spettatrice. Ci sono sfide amministrative davanti, sfide che riguardano il nostro ruolo in Regione e nel Paese, sfide per la classe dirigente migliore, sfide legate all’Area Vasta e so che rappresento molti piacentini del Pd con cui condivido determinati percorsi». De Micheli - in stato interessante, ha annunciato che si prenderà un paio di mesi di riposo a ridosso del parto previsto per marzo - ha incontrato nella sede alcuni militanti, illustrando l’impegno del Governo Renzi per l’Alluvione che ha colpito Valnure, Valtrebbia e Roncaglia lo scorso 14 settembre. DSC_0137-2-2

Il sottosegretario ha detto la sua anche sul tema del riassetto istituzionale. «L’Area Vasta si definisce grazie a degli accordi: è inevitabile che i primi a cui dobbiamo guardare – per ragioni geografiche - sono i nostri “cugini” di Parma. Ma questa storia va affrontata con un minor senso di inferiorità. Se noi pensiamo che perdere un palazzo significhi perdere centralità, allora non siamo consapevoli della forza che possiamo avere. Lo dico perché quando si fanno gli accordi bisogna essere nelle condizioni di farli alla pari, senza nessun complesso d’inferiorità. È un discorso che vale sulla sanità, sui trasporti, sulle infrastrutture, sulla scuola. Deve cambiare l’atteggiamento, non abbiamo nulla in meno degli altri ad eccezione del numero di abitanti del nostro territorio. Presentiamoci agli accordi senza complessi d’inferiorità e giochiamocela alla pari per far valere il nostro ruolo: essere ai confini della regione non significa non essere centrali».

È di oggi la notizia che alcuni esponenti nazionali del Pd stanno abbandonando il partito per  costituire un raggruppamento con Sel che guarderebbe più a sinistra. «Il Pd – ha rimarcato l’onorevole - sta vivendo diverse questioni interne aperte. Questa rimane casa mia, casa nostra, la casa dei democratici, della sinistra italiana». La piacentina ha annunciato che dalle prossime settimane sarà alle prese con la situazione romana, in virtù della sua delega a "Roma Capitale". Il governo durerà fino alla scadenza naturale del mandato, nel 2018? «Sì, credo di sì. Stiamo lavorando con in testa un programma fino al 2018. Le scelte economiche hanno un respiro triennale, anche quelle sulle decisioni più importanti. La legislatura verrà portata a termine, anche con una discreta soddisfazione per gli italiani. Se riusciamo a realizzare quello che siamo nelle condizioni di poter fare, vedrete che gli italiani si accorgeranno che abbiamo governato bene».

Paola De Micheli-11

IL BILANCIO DI UN ANNO AL GOVERNO SECONDO PAOLA DE MICHELI

INCONTRI tra Piacenza e Roma: oltre 2500 appuntamenti nell’arco di un anno tra rappresentanti di aziende, privati cittadini, amministratori e politici.

RAPPORTO CON LE CATEGORIE - Confronto continuo in questi mesi con le associazioni di categoria del territorio e i rappresentanti sindacali, con incontri a cadenza mensile.

IN COMMISSIONE PARLAMENTARE - Nel corso dei 12 mesi ha rappresentato il Governo con frequenza settimanale alla V Commissione Bilancio della Camera e alle Commissioni economiche del Senato, partecipando a oltre 100 sedute.

L’AQUILA E IN ABRUZZO – Ha visitato L’Aquila e i comuni del cratere in Abruzzo in sei occasioni per incontrare gli amministratori locali e illustrare le misure del Governo a sostegno della ricostruzione.

Come Sottosegretario con delega alla ricostruzione post sisma ha seguito lo stanziamento delle risorse, con l'assegnazione di un miliardo e 126,5 milioni da parte del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE).

POST SISMA IN EMILIA E LOMBARDIA – Costante contatto con gli enti locali e le Regioni colpite dal terremoto del 2012 e reperimento di risorse per la ricostruzione dell’Emilia e delle zone lombarde. Introduzione norme di semplificazione e per il finanziamento della ricostruzione privata per oltre 200 milioni.

DOGANE E MONOPOLI – Presentazione del nuovo corridoio doganale dedicato per trasferire immediatamente i container in arrivo nei porti di Genova e La Spezia al nodo logistico di Piacenza di Ikea, nell’ambito del progetto "Il Trovatore", realizzato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, attraverso l’attivazione di "corridoi controllati". Lotta al contrabbando dei tabacchi attraverso nuove norme e azioni di tracciabilità.

CIPE – Partecipazione su delega diretta del Ministro dell’Economia a tutte le riunioni del Comitato interministeriale per la programmazione economica che si riunisce periodicamente con i rappresentanti di diversi dicasteri per l’assegnazione delle risorse finanziarie ai singoli progetti.

INCONTRI CON LE AZIENDE e LAVORATORI - Ha visitato sul territorio nazionale oltre 50 aziende e realtà produttive, incontrando lavoratori e imprenditori nei settori industriali più diversi. Incontri con i sindacati e lavoratori di aziende in situazione di crisi.

LEGGE STABILITA’ 2015 - Alla fine del 2014 si è occupata della proroga e del finanziamento dei contratti dei dipendenti dei centri per l’impiego delle Province per tutto il 2015.

Inoltre nella Legge di Stabilità 2015 ha ottenuto il ripristino della possibilità di scelta del regime agevolato per le partite Iva. In tema di sfratti, si è occupata dell'introduzione della proroga e la contestuale attuazione insieme agli enti locali del Fondo per la morosità colpevole. Prorogata anche la possibilità di rateizzazione dei debiti tributari con Equitalia.

PER PIACENZA - Nel corso degli ultimi mesi ha promosso diverse iniziative a favore del territorio piacentino e del suo sviluppo economico.

ENERGIA - Nel campo dell’energia ha presentato due progetti di rilancio della filiera Oil & Gas, nel corso del convegno con il Ministro allo Sviluppo Economico Federica Guidi, con la creazione di una scuola nazionale di alta formazione in collaborazione con Eni e di un cluster delle aziende del territorio piacentino.

INTERNAZIONALIZZAZIONE - Sul fronte della spinta verso l’internazionalizzazione delle imprese ha promosso a Piacenza l’incontro con il direttore dell'Ice, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, Roberto Luongo: “Il sistema paese e le Pmi di fronte alla sfida dell'internazionalizzazione”. Attraverso una serie di incontri ha promosso la partecipazione di diverse imprese ad alcune missioni all’estero insieme alla delegazione del Governo Italiano.

FONDAZIONI BANCARIE - Si è occupata del ruolo delle Fondazioni bancarie dopo la riforma voluta dal Ministero dell'Economia e il protocollo per regolare la loro operatività nella direzione di un maggiore trasparenza e di una migliore definizione della governance, promuovendo a Piacenza un convegno cui ha preso parte il presidente di Acri (l'associazione nazionale delle Fondazioni) Giuseppe Guzzetti.
 

LOGISTICA - Nel campo della logistica ha sostenuto il progetto di realizzazione di un nuovo terminal commerciale delle Ferrovie dello Stato al polo di Piacenza. Durante un convegno alla sede Ikea di Piacenza è stata annunciata la costruzione di un nuovo terminal commerciale da 75mila metri quadrati e cinque corsie di stoccaggio delle merci, realizzato dalle Ferrovie dello Stato insieme al partner svizzero Hupac a Piacenza per un valore di circa 50 milioni di euro.

ANAS e STATALE 45 – Azione per ottenere l'avvio dell'importante piano di investimenti di Anas relativo alla Statale 45, con tre bandi di gara per l’affidamento di lavori di manutenzione straordinaria per un importo pari a 11 milioni di euro.

POTENZIAMENTO COLLEGAMENTI FERROVIARI – Avviato il confronto con le Ferrovie dello Stato per il potenziamento dei collegamenti ferroviari veloci tra Piacenza e Milano e tra Piacenza e Roma.

CONFIDI e CREDITO PER LE AZIENDE – Ha seguito l’iter della legge delega che riforma il sistema privato della garanzia a sostegno dell’economia e delle piccole medie imprese, con una patrimonializzazione dei Confidi di 225 milioni. Una riforma che consente al sistema privato della garanzia di potenziare ulteriormente il ruolo di partner privilegiato delle imprese associate e, in questo modo, di sostenerne l’accesso al credito.

AGROALIMENTARE e EXPO MILANO - Ha ideato e presieduto l’associazione "Settimana Mondiale del Pomodoro a Expo Milano 2015" con sede alla Faggiola di Gariga di Podenzano, con i distretti italiani e le principali aziende di produzione e trasformazione. Nell’ambito della “Settimana mondiale del Pomodoro” a Expo 2015, organizzata grazie a fondi unicamente privati, è stato battuto il Guinness record della pizza più lunga del mondo, con l’azienda piacentina “La Pizza +1” protagonista insieme ad altri soggetti locali. A Expo Milano ha accolto in rappresentanza del Governo Italiano le delegazioni di Stato e di imprenditori di Uganda, Costa d’Avorio, Etiopia.

SPRECO ZERO CIBO - A Expo Milano con il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina ha lanciato la proposta “spreco zero” di cibo con incentivi fiscali e sconti alle aziende che scelgono di donare il cibo invece che buttarlo.

ENTI LOCALI - Si è occupata più volte delle azioni a favore degli enti locali e dello sblocco delle risorse vincolate dal Patto di Stabilità: presentazione dell'accordo tra l'Anci e il Governo con l’aggiunta di uno spazio finanziario per complessivi 100 milioni sul patto di stabilità. Nell’arco dei 12 mesi ha incontrato amministratori locali di tutta Italia, accolto richieste e su questioni che attengono direttamente alle sue deleghe e anche su argomenti che riguardano più in generale l’azione di governo.  

SCUOLA - Grazie al suo impegno, a Piacenza sono stati destinati 4,5 milioni di euro dal Ministero dei Beni Culturali per la riqualificazione del Collegio San Vincenzo e la realizzazione di nuove residenze universitarie.

AREE MILITARI E DEMANIALI – Confronto costante con la società Invimit del Ministero dell’Economia per la valorizzazione dei beni demaniali e militari di Piacenza; sostegno al progetto piacentino nell’ambito del bando europeo “Disarmed cities” sulla riqualificazione urbana, che in Italia ha premiato solo tre città.

RICOSTRUZIONI - Ha redatto su delega del Governo le nuove norme inserite nella Legge di Stabilità per accelerare e sostenere economicamente tutte le ricostruzioni (oltre 50) in corso nel nostro Paese, compresa quella dei comuni colpiti dall’alluvione del Nure e del Trebbia. Per la prima volta viene creato un fondo da 1,5 miliardi per il risarcimento delle attività economiche e dei privati. Liberati inoltre 6 milioni di euro dal Patto di Stabilità per la provincia di Piacenza, e altri 3 milioni e 679mila euro per i Comuni interessati dall'alluvione di Piacenza e Parma.

INVESTIMENTI VERI PER IL TERRITORIO PIACENTINO – Grazie alle iniziative promosse e ai provvedimenti sostenuti per il territorio piacentino, si può quantificare in circa 100 milioni la ricaduta economica – attraverso investimenti diretti e indiretti - che arriverà nell’arco dei prossimi 3-5 anni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento