Demanio, aggiudicata l'ex chiesa di Sant'Agostino: a Piacenza un nuovo tempio di arte e cultura

Si è conclusa con successo la gara per la concessione del bene aggiudicato alla società “Galleria Enrica De Micheli S.r.l” per un periodo di 25 anni. L’offerta vincitrice, in aggiudicazione provvisoria, prevede un investimento di circa 200mila euro per la ristrutturazione dell’immobile, oltre a un canone annuo di 2500 euro

L'ex chiesa di Sant'Agostino

Arte e cultura ed attività ricreative: ecco gli ingredienti protagonisti della rinascita dell’ex Chiesa di Sant’Agostino a Piacenza. Si è conclusa con successo la gara per la concessione del bene aggiudicato alla società “Galleria Enrica De Micheli S.r.l” per un periodo di 25 anni. L’offerta vincitrice, in aggiudicazione provvisoria, prevede un investimento di circa 200mila euro per la ristrutturazione dell’immobile, oltre a un canone annuo di 2.500 euro. Il risultato raggiunto rappresenta l’esito positivo di percorso di valorizzazione attentamente pianificato che ha agito su fronti diversi: da un lato ha coinvolto i cittadini e il territorio, a partire dalla fine del 2015, con la consultazione online Immobili Pubblici a Piacenza dall’altro ha previsto importanti interventi di riqualificazione sulla struttura avviando da subito il recupero architettonico dell’Ex Chiesa di Sant’Agostino.

Gli interventi sono iniziati con l’allestimento dell’illuminazione artistica della facciata principale dell’ex basilica, proposto con la collaborazione del Comune di Piacenza e di Enel Sole e realizzato con la posa di due pali di illuminazione sul limite del sagrato, ai margini della sede stradale dello Stradone Farnese. Nel 2016 l’Agenzia del Demanio ha poi investito 800.000 euro per ripristinare le funzionalità del tetto e del sistema di raccolta e allontanamento delle acque meteoriche dell’ex basilica. L’Agenzia ha inoltre  completato l’impianto di illuminazione artistica accendendo le luci anche sul tiburio e sulla lanterna, rendendo l’immobile un punto di riferimento nello skyline urbano anche nelle ore notturne. Grazie alla collaborazione con il Comune  è stato possibile mantenere l’ex chiesa viva e fruibile da parte della comunità attivando diverse concessioni temporanee che hanno permesso di capire meglio le possibili destinazioni d’uso del bene. Nel febbraio 2016 è stata palcoscenico per le iniziative relative alla “silent disco”, evento di musica ed intrattenimento, organizzato a fini benefici e, pertanto, connotato da forte valenza sociale. E’ stata poi cornice di  GiocaCon, manifestazione dedicata ai giochi da tavolo e del convegno sul tema “Natura In Citta’, nell’ambito dell’iniziativa “Piacenza GreenCity” volta alla riscoperta del rapporto città-natura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’estate di quest’anno,  in occasione delle Manifestazioni antoniniane 2017, si sono svolti fra le navate della ex basilica due diversi eventi lirici, il Trovatore e la Cavalleria Rusticana,  che hanno riscosso  un clamoroso successo, anche grazie alla recuperata cornice del compendio architettonico. “Abbiamo voluto accendere i riflettori sull’ex chiesa di Sant’Agostino, non solo fisicamente ma anche virtualmente. Abbiamo lavorato preventivamente per creare le condizioni ottimali per inserire il bene in un circuito virtuoso di valorizzazione rendendolo appetibile per il mercato - ha dichiarato il direttore dell’Agenzia  Roberto Reggi  - la strategia vincente, per portare a conclusione operazioni di questo tipo consiste infatti nel mettere in campo tutte le azioni necessarie dal punto di vista amministrativo, tecnico, urbanistico e gestionale capaci di eliminare gli elementi deterrenti per un investitore, come ad esempio I vincoli burocratici, e di far intravedere le potenzialità, e anche quindi la redditività, di un’operazione di recupero e sviluppo per Piacenza. E’ grande quindi la soddisfazione per aver avviato a nuova vita uno dei monumenti più importanti della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento