rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Politica Centro Storico / Piazza Cavalli

Disagio scolastico e integrazione di alunni stranieri, il Comune finanzia la formazione dei docenti

Numerose iniziative a disposizione degli insegnanti piacentini contro le problematiche scolastiche e per gestire al meglio l'integrazione degli studenti stranieri

Disagio scolastico e integrazione degli alunni stranieri: di questo si è parlato stamattina con l’assessore alle Politiche Giovanili Erika Opizzi e a Claudia Molinaroli di Coopselios a Palazzo Mercanti. L’iniziativa, rivolta ai docenti delle scuole primarie e  secondarie di I grado, nasce dalla collaborazione tra il Comune, importanti soggetti del terzo settore e la Fondazione di Piacenza e Vigevano per la realizzazione di azioni a sostegno del personale scolastico, la promozione dell'integrazione ed il contrasto al disagio, per un importo complessivo di circa 189 mila euro.

Un problema, quello del disagio scolastico, che da sempre comprende più fattori come le problematiche sociali, personali e talvolta anche fisiche, rafforzare le competenze interne alla scuola risulta così essere fondamentale, soprattutto per quei docenti che sempre più spesso si sentono soli e impreparati ad affrontare e gestire al meglio situazioni di difficoltà. Dal canto suo, Coopselios realizza un progetto nell'area del contrasto al disagio e della promozione del benessere a scuola, con un intervento dal titolo "Prevenire il disagio insegnando", rivolto ai docenti delle scuole dell'infanzia e primarie. Si terranno quattro incontri di due ore e mezza nei mesi di marzo e aprile, a cui risultano iscritti circa settanta docenti, mentre in autunno si avrà una seconda edizione destinata agli insegnanti delle scuole secondarie di I grado. Tutti gli incontri si svolgeranno nelle aule della facoltà di Scienze della Formazione dell'Università Cattolica di Piacenza, con la docenza affidata a Pierpaolo Triani.

Nell'ambito dei percorsi di accoglienza e integrazione scolastica per minori stranieri, la cooperativa Mondi Aperti realizza nelle scuole laboratori per l'insegnamento dell'italiano come seconda lingua ai bambini neo arrivati di origine straniera. Il percorso formativo proposto, dal titolo “Didattica dell'italiano come lingua seconda”, sarà condotto da Maria Cecilia Luise, docente dell'Università Ca' Foscari di Venezia. L’incontro si rivolge ai docenti delle scuole primarie e secondarie di I grado e si svolgerà alla scuola Pezzani in città. Inoltre, l’associazione Sentieri nel Mondo, presenta un percorso rivolto a insegnanti e mediatori linguistici dal titolo “Formazione alla multiculturalità”, con la partecipazione della psicologa e psicoterapeuta Claudia Bruni e della cooperativa Crinali di Milano, esperta in materia di integrazione e multiculturalità.

Il corso si articolerà in due incontri riservati ai docenti delle scuole primarie e in un incontro riservato alla scuola secondaria di I grado, a cui risultano già iscritti circa 100 partecipanti.

Calendario e temi trattati:

“Prevenire il disagio insegnando”

12 marzo (ore 17-19,30): Scuola e disagio: quale compito?

22 marzo (ore 17-19,30): Stare in classe, affrontare le situazioni di difficoltà

5 aprile (ore 17-19,30): Prevenire insegnando e distinguendo i diversi disagi

23 aprile (ore 17-19,30): Coltivare collaborazioni: linee di lavoro

“Didattica dell’italiano come lingua seconda”

16 aprile (ore 14,30-17,30): La valutazione dell'alunno straniero

17 aprile (ore 14,30-17,30): L'insegnamento dell'italiano L2 attraverso le nuove tecnologie

 “Formazione alla multiculturalità” per le scuole primarie

Scuola Caduti sul lavoro: 15 febbraio e 1 marzo (ore 16,30-18,30) 

Scuola Don Minzoni: 12 e 26 aprile (ore 16,30-18,30)

Per le scuole secondarie di I grado:

Scuola media Dante: 15 marzo (ore 14,00-18,00)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disagio scolastico e integrazione di alunni stranieri, il Comune finanzia la formazione dei docenti

IlPiacenza è in caricamento