Discriminare i kebab? Uno sbaglio bello e buono

Parla il Consigliere regionale del Pd, Nino Beretta: “In realtà le attività artigianali, come le gelaterie, sono già normate” spiega. Non serve dunque una norma come quella della Lombardia. E poi, “La legge deve garantire la salubrità quando si tratta di sicurezza alimentare”. Mica decidere quello che si deve mangiare

Nino Beretta
Uno sbaglio bello e buono, discriminare i kebab con una legge. Ne è convinto il Consigliere regionale del Partito Democratico Nino Beretta. Lo abbiamo raggiunto al telefono, per cercare di capire se sia o meno necessaria per l'Emilia e quindi per Piacenza, la legge regionale adottata dalla Lombardia in materia.
  In realtà le attività artigianali, come le gelaterie, sono già normate  

“In realtà le attività artigianali, come le gelaterie, sono già normate” spiega Beretta. Ci sono già, quindi, le norme che regolano i posti a sedere, la vendita diretta e il consumo immediato di prodotti alimentari. Se non altro per differenziare rispetto agli esercizi commerciali veri e propri, quelli dedicati, fra l'altro, all'intrattenimento.

La Lega Nord nei giorni scorsi ha proposto una legge anti-kebab anche da noi, salvo poi ritrattare sul termine e variare la richiesta, spostando l'ago della bilancia (e l'attenzione dei media) non più sulla discriminante kebab, quanto sulla disciplina delle attività artigianali “Per evitare assembramenti notturni di persone davanti a esercizi che non ne hanno titolo”.
  Non riteniamo necessarie le ragioni per rivedere la norma  

Ma il Pd risponde:  “Non riteniamo necessarie le ragioni per rivedere la norma”. Poi sulla marcia indietro (o puntualizzazione) del Carroccio sul tema kebab, Nino Beretta aggiunge: “La Lega voleva forse discriminare gli esercizi dei kebab, non rendendosi conto che in questo modo danneggia e limita l'intera categoria “artigianale” quindi anche le nostrane gelaterie, tanto per fare un esempio”.

Beretta ribadisce come sia superfluo “Normare una materia che è già normata di suo”. E poi, non si è mai sentita una legge che decida cosa devono consumare i cittadini e cosa no, fa intendere. “La legge” aggiunge “deve garantire la salubrità quando si tratta di sicurezza alimentare e basta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento