Callori: "Caorso non diventerà il deposito delle scorie radioattive"

Il candidato al consiglio regionale Fabio Callori: ""La probabilità che Caorso diventi sede nazionale di deposito delle scorie è nulla"

Il candidato al consiglio regionale Fabio Callori risponde ad alcune dichiarazioni di altri candidati sul destino della centrale nucleare di Caorso: "La probabilità che Caorso diventi sede nazionale di deposito delle scorie è nulla, come dovrebbe ben sapere quella parte politica che ha diversi rappresentanti piacentini a capo del Governo. C'è bisogno di campagna elettorale per vedere i referenti regionali preoccuparsi del futuro della Centrale di Caorso. In questi ultimi cinque anni, infatti, non ricordo che la Regione abbia convocato anche solo un tavolo della trasparenza, nonostante le richieste dell'amministrazione locale. Direi piuttosto che tutti se ne sono lavati le mani. Il mio impegno è sicuramente quello di costituire un nucleo di lavoro ad hoc che possa seguire l'iter di una dismissione non solo annunciata, ma già nei fatti. Quello di cui ci si dovrebbe preoccupare, invece, è di far sì che le aziende piacentine specializzate nel settore, si occupino direttamente della dismissione. Solo in questo modo, quello che per anni è stato un onere del territorio piacentino, si può trasformare in opportunità di posti di lavoro".

TACCUINO ELETTORALE

Martedì 18 novembre Fabio Callori, candidato a Consigliere di Forza Italia alle regionali del 23 novembre, incontrerà simpatizzanti ed amici durante il mercato di Pontedell'Olio. Alle ore 10 sarà presente ad un incontro a Coldiretti e a seguire alle ore 12 a incontro all'ordine degli architetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento