«Dobbiamo andare in Europa da grande Paese per farci sentire»

Elezioni Europee, il sottosegretario Giorgetti a Piacenza. «Siamo populisti perché ascoltiamo i problemi dei cittadini e li portiamo al Governo. L’Italia subisce le decisioni di Bruxelles prese da gente che nemmeno conosciamo». Revisione dell’abuso d’ufficio: «Sto con Cantone perché così com’è non funziona»

Giancarlo Giorgetti

«Siamo a un bivio della storia. Oggi siamo a un punto in cui Salvini propone qualcosa e tutti gli si schierano contro. Dobbiamo cambiare questa Europa che prende decisioni sul nostro Paese e noi non conosciamo i volti di chi decide». Lo ha detto Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che ha parlato in Sant’Ilario dove ha incontrato i cittadini e i militanti della Lega per le elezioni Europee del 26 maggio. Con Giorgetti, presenti i parlamentari piacentini Elena Murelli e Pietro Pisani, il candidato della Lega Manuel il tavolo-4Ghilardelli, il commissario provinciale Corrado Pozzi e altri amministratori e consiglieri del Carroccio. La rivoluzione del buonsenso, ha scandito Giorgetti, significa essere populisti e sovranisti, cioè ascoltare i cittadini e attuare ciò che dice la Costituzione: la sovranità appartiene al popolo. I poteri costituiti si oppongono al cambiamento «e si difendono in tutti i modi in cui è possibile farlo». La sfida all’Europa «la porta uno dei Paesi più grandi, l’Italia, che ha capacità economiche, ha capacità nel fare, nel trasformare i prodotti, nel trovare soluzioni. Dobbiamo togliere la burocrazia e i tanti controlli che frenano le imprese». Qualcuno, però, non crede che la Lega sia sola in questa battaglia e «ci accusa di essere pagati da Putin per far saltare la Ue!». E ancora, il sottosegretario ha evidenziato come «non bisogna andare in Europa in ginocchio, ma dobbiamo farci sentire sull’industria, sull’agricoltura, sul commercio. Negli anni passati c’erano brave persone a Bruxelles, ma non facevano gli interessi dell’Italia. Guardate i tedeschi con le banche. Oggi il risparmio italiano è pubblico-2gestito da stranieri che decidono o meno se acquistare i nostri titoli di Stato». Dopo le elezioni, ha affermato Giorgetti rispondendo alla stampa, «il Governo governerà. Se avremo tanti consensi porteremo avanti le nostre battaglie e la flat tax e l’autonomia avranno più forza. Non capisco perché i 5 stelle si mettano di traverso. C’è un contratto di governo». Infine, sulla revisione dell’abuso d’ufficio, lanciato da Salvini, Giorgetti si è detto «d’accordo con Cantone (presidente Anac, ndr): è un istituto da rivedere, perché così com’è non funziona».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento