Domeneghetti: «Massima trasparenza nella convocazione della commissione n. 1»

Il presidente della commissione 1 interviene sull’istituzione di una commissione speciale antimafia

Nicola Domeneghetti

«La proposta di alcuni consiglieri di minoranza di istituire una commissione speciale antimafia non è “rimasta al palo”, per inerzia della maggioranza. Vero è invece che solo il 30 gennaio di quest’anno - non quest’autunno - è stata presentata una proposta in tal senso dai predetti che ha potuto seguire l’iter previsto dallo statuto e dal regolamento del consiglio comunale. Detta proposta è pervenuta alla presidenza della Commissione Organizzazione Istituzionale il 13 marzo 2020, in piena emergenza sanitaria quindi. Al riguardo, la Conferenza dei Capigruppo aveva deciso di trattare solo atti urgenti e indifferibili. E così è stato. Non solo, ma l’insussistenza di ritardi di alcun tipo è confermata dal fatto che l’art. 103 del D.L. 17/3/2020 n. 18, aveva sospeso i termini dei procedimenti amministrativi dal 23 febbraio 2020 al 15 aprile 2020 e il successivo D.L. 8/4/2020 N. 23 all’art. 37 ha prorogato detta sospensione fino al 15 maggio 2020. Ciò significa che, con i 120 giorni a disposizione del consiglio comunale per decidere in ordine all’atto - termine per altro non perentorio - e le citate sospensioni dei termini dei procedimenti amministrativi sanciti dalla legge, l’esame della proposta di istituzione della commissione speciale antimafia poteva essere effettuata anche a settembre. E’ stato invece chi scrive a promettere il 25 maggio 2020 in Consiglio Comunale la convocazione della Commissione 1 per la discussione della proposta, non appena approvato il Rendiconto 2019. Convocazione che non avvenne nell’immediata settimana successiva all’approvazione del Rendiconto 2019 avvenuta l’1 giugno 2020, perché comunque l’8 giugno non si sarebbe discussa in Consiglio Comunale a causa della seduta dedicata all’emergenza Covid in presenza del direttore dell’Ausl Piacenza, ingegner Luca Baldino. Nella scorsa settimana è intervenuta la sentenza del Consiglio di Stato che ha determinato la decadenza del consigliere Bariola (tra l’altro primo firmatario della proposta di deliberazione) e il subentro del consigliere Raggi, con la conseguente necessità di ricomposizione delle commissioni con decreto presidenziale, in mancanza del quale non si poteva certo convocare la Commissione 1. La convocazione della Commissione è avvenuta non appena effettuata la convalida del consigliere Raggi. Quindi nessuna volontà da parte mia e/o della maggioranza di tenere “a bagnomaria la nascita” della commissione speciale antimafia, come attestano i fatti e le date inconfutabili».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicola Domeneghetti, consigliere comunale di Fratelli d’Italia e presidente della Commissione n.1

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

  • Ferriere, il nuovo sindaco è Carlotta Oppizzi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento