Dopo dieci ore e mezza passa nella notte il bilancio, senza i Liberali

Ok al bilancio 2019 dell’ente dopo una discussione durata oltre dieci ore. Levoni: «Non votiamo un documento che si basa sulla vendita delle quote Iren, non approfondita». Il sindaco: «Non comprendo la scelta»

Il sindaco Patrizia Barbieri e l'assessore al bilancio Paolo Passoni
 

La maggioranza, lungo la strada, ha però raccolto un sostegno inaspettato, che ha compensato i due voti mancanti dei Liberali. «Ho votato a favore – ha motivato la sua scelta Gloria Zanardi (Misto) - molti provvedimenti precedenti a questo bilancio che lo hanno così determinato, il mio è un parere favorevole di incoraggiamento al lavoro di questa Giunta. I miei valori sono di centrodestra e le scelte di questo bilancio come il mancato aumento delle tasse, rispecchiano quei valori».

«Questo bilancio di metà mandato – ha rilevato Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) - dell’Amministrazione dovrebbe dare gambe alle idee, progetti e programmi del centrodestra vincente alle Elezioni. Dovrebbe essere un documento che allontana i fantasmi di Reggi e Dosi, questo è tutto vostro, lo avete sancito voi. Le scelte dipendono tutte dall’Amministrazione, dopo alcuni spettacolo imbarazzanti come il balletto sull’aumento o meno dell’addizionale Irpef. Qua però ci sono politiche di imbarbarimento sociale e immobilismo, politiche intolleranti che vanno contro gli ultimi e non risolvono i problemi della gente, come le multe a chi chiede la carità, il coprifuoco nel quartiere Roma, le panchine anti bivacco. Avrei voluto trovare un motivo per votare questo bilancio ma non lo vedo».

«Aspettiamo con ansia – è stato l’intervento di Andrea Pugni (Movimento 5 Stelle) - il piano di razionalizzazione della spesa promesso, così finalmente vedremo cosa taglierete. È sempre molto difficile fare questa operazione. Sottolineo il fallimento del piano delle alienazioni degli immobili comunali. Noi 5 Stelle siamo contrari alla politica di bilancio di questa Giunta».

Massimo Trespidi (Liberi) ha rimarcato i meriti del Consiglio comunale, che si è impegnato per approvare il documento e proporre correzioni utili dopo un dibattito costruttivo. «Però si piange un morto che non c’è, perché le risorse nel bilancio ci sono. Bisogna solo spenderle bene. E serve un attento cronoprogramma per realizzare quegli impegni contenuti nel piano delle opere pubbliche, interventi che si faranno grazie ai soldi che arriveranno dalla vendita delle quote Iren».

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento