rotate-mobile
Politica

Edilizia scolastica nel Piacentino, in arrivo oltre 4 milioni di euro

Il consigliere provinciale Galvani: «Ci aspettavamo 2,5 milioni dal "Decreto Mutui", ne sono arrivati quasi il doppio». Sette comuni riceveranno i fondi per asili, elementari e medie: Bettola, Pontedellolio, Piacenza, Vernasca, Lugagnano, Castelvetro, Gragnano. L'appello agli altri comuni: «Preparate i progetti per il 2016»

Arrivano tramite la Regione oltre 4 milioni di euro per le scuole del Piacentino, grazie al Decreto Interministeriale Mutui. La notizia è stata illustrata nella mattina del 15 giugno nella sala giunta della Provincia. «Queste risorse – ha esordito il presidente Francesco Rolleri – ci serviranno per interventi di edilizia scolastica nel territorio. È un primo passo, molto importante, verso un progetto di consolidamento degli edifici». «Dopo mesi di proroghe – ricorda il consigliere con delega all’istruzione Paola Galvani - abbiamo conosciuto dalla Regione gli importi del “Decreto Mutui”: la nostra aspettativa era quella di ricevere un fondo da 2,5 milioni di euro, ripartito al 60% ai Comuni e al 40% al nostro ente. E invece arrivano 4 milioni e 135mila euro. Ringraziamo i nostri consiglieri regionali – di centrosinistra e centrodestra – che hanno spinto verso questa ripartizione dei fondi. Questa è la cifra minima – ci ha assicurato la Regione – che può arrivare, perciò siamo fiduciosi che possano essere destinate altre risorse aggiuntive». Il fondo proviene dal “Decreto Mutui”, ma in realtà i comuni e l’ente non dovranno accendere alcun mutuo: la quota è “coperta” dalla Regione stessa, che si sostituisce agli enti locali. edilizia scolastica-3

I 4 milioni e 135 mila (e 522 euro), come annunciato, dovevano essere ripartiti al 60% ai Comuni e al restante 40% all’ente di via Garibaldi. «La Provincia ha però deciso di rinunciare – informa Galvani - al 40% dei fondi (destinati agli istituti superiori) per ripartire le risorse sulle scuole dei comuni. Questa è una scelta voluta soprattutto dal presidente Rolleri. La Provincia non ha più il vincolo del patto di stabilità, al contrario dei comuni, così è giusto dare queste risorse ai comuni per risanare alcune situazioni».

Sette sono perciò i comuni coinvolti nella ripartizione dei fondi, tutti con l’obiettivo della messa in sicurezza e dell’adeguamento anti-sismico. Si tratta di Bettola (scuola dell’infanzia e secondaria per un contributo di 880mila euro), Pontedellolio (scuola secondaria, contributo di 1 milione e 100mila euro), Vernasca (istituto comprensivo 650mila euro), Castelvetro (Scuola dell’infanzia, 583mila euro), Piacenza (asilo “Vaiarini” 550mila euro), Gragnano Trebbiense (scuola secondaria, 345mila euro), Lugagnano (scuola secondaria, 27 mila euro, a cui forse si aggiungeranno altre risorse a breve in modo raggiungere quota 180mila, necessari per l'intervento).

Non verranno comunque trascurati alcuni interventi di manutenzione nelle scuole superiori cittadine e della provincia: si provvederà alla sostituzione degli infissi e dei serramenti al Ranieri Marcora e al liceo Colombini (692 mila euro), alcuni adeguamenti verranno effettuati al Romagnosi e a Fiorenzuola (100 mila euro), si penserà all’adeguamento sismico delle palestre di Fiorenzuola e Castelsangiovanni (99 mila euro), e verrà sistemato il controsoffitto sempre del Raineri Marcora (100mila euro).

IMG_4647-2«C’è molta soddisfazione – commenta il sindaco di Bettola Sandro Busca -, i tempi stretti hanno imposto agli uffici un lavoro serio e meticoloso. Ci siamo trovati in emergenza lo scorso anno con la chiusura della scuola elementare per motivi di sicurezza. Avevamo riunito tutte le classi di Bettola in un unico polo. Ora recupereremo degli spazi e installeremo un ascensore per disabili: si tratta di un’opera di grande significato, perché ci permette di pensare anche al futuro. Se arriveranno studenti anche dalle vicine scuole di Farini e Ferriere, saremmo pronti». Anche Pontedellolio aveva rivisto negli ultimi anni la distribuzione degli studenti delle medie, a causa di problemi nei rilievi anti-sismici. «Raggiungiamo un obiettivo – spiega Sergio Copelli -, ovvero dare una struttura al paese. È stata una corsa contro il tempo. Gli studenti sono tutti nelle elementari, così ridaremo spazi di formazione ai ragazzi. Ci aspetta un lavoro impegnativo per riprendere». Il comune di Vernasca invece «ringrazia la Provincia per aver rinunciato alle sue risorse».

«Importante risultato per il territorio – ha commentato Luca Quintavalla, primo cittadino di Castelvetro -, era una priorità della mia giunta comunale due anni fa riqualificare asilo nido e materna. Così garantiremo la metà del finanziamento, la restante parte la mette infatti il mio Comune». «Con grande gioia accogliamo questo risultato – ha aggiunto l’assessore all’istruzione del comune di Piacenza Giulia Piroli - frutto di un ottimo lavoro di squadra. Quando c’è lavoro di squadra i risultati si vedono, anche quando la politica è sotto attacco. Il “Vaiarini” era stato chiuso l’anno scorso: così rispondiamo alla raccolta firme dei residenti del quartiere e libereremo i locali del nido “L’Aquilone” di via Ottolenghi, aumentando gli spazi a disposizione e il numero di sezioni delle scuole d'infanzia, riducendo le liste d'attesa». «Anche noi ringraziamo la Provincia – ha detto un rappresentante del Comune di Gragnano - per aver rinunciato alle sue risorse, è dagli anni ’70 che l’edificio non riceveva manutenzione. Ora lo metteremo in sicurezza e sostituiremo i serramenti e il pavimento della palestra, oltre a fare un lavoro di efficentamento energetico». Giulia Piroli-8

La Provincia, per voce del consigliere Galvani, vuole lanciare un appello anche agli altri comuni noi coinvolti da questi fondi. «I 4 milioni del decreto mutui riguardano solo il 2015: nel biennio successivo ci aspettiamo altre risorse, pari o superiori. Chiediamo ai comuni di organizzarsi per tempo per il 2016 e predisporre dei progetti cantierabili: a seconda del livello del progetto riceveranno punteggi differenti per ottenere i fondi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia scolastica nel Piacentino, in arrivo oltre 4 milioni di euro

IlPiacenza è in caricamento