Politica Agazzano

«Ad Agazzano serve subito un radicale cambio di passo: i cittadini meritano risposte concrete»

Arrigo Maestri è uno dei tre candidati sindaco in corsa per la poltrona di primo cittadino ad Agazzano. Guida la lista civica di centro destra “Progetto Comune” composta da nove candidati

«Uniti e compatti crediamo fondamentale un radicale e immediato cambio di passo: vogliamo sopra ogni cosa dare risposte concrete alle tante emergenze che attanagliano il territorio e che sono sotto gli occhi di tutti». A dirlo il candidato sindaco Arrigo Maestri in corsa con altri due avversari alla sfida elettorale che vede Agazzano nella lista dei paesi chiamati ad eleggere il primo cittadino il 3 e il 4 ottobre. Sessantacinque anni, artigiano agazzanese guida la lista civica di centro destra “Progetto Comune” composta da nove candidati. Capo gruppo di minoranza attuale, Maestri fu anche assessore del piccolo paese della Valluretta nel decennio 80-90.

«Strade in condizioni pietose, verde pubblico, guai finanziari: il paese è alla deriva. Per prima cosa – dice -  occorre fare ordine nel bilancio comunale, riorganizzare il personale andando a colmare carenze croniche sofferte da alcuni uffici. La nostra lista comprende professionisti capaci di ristrutturare in maniera dinamica, organica e funzionale l’ufficio di ragioneria». Ricordiamo che il Comune di Agazzano ha sfiorato il commissariamento recentemente, oltre a ciò ha anche un debito attuale di circa tre milioni  e mezzo di euro che dovranno essere pagati stanziando ogni anno per vent’anni una grossa cifra che si aggira attorno ai 300mila euro. Chiunque quindi vada a ricoprire il ruolo di primo cittadino non potrà non tenere conto di questa situazione.

Arrigo Maestri squadra elezioni comunali 2021-2Maestri è chiaro: «Alla luce di questo non possiamo promettere cose impossibili ma realizzare quelle possibili senza prendere in giro nessuno. Vogliamo, con i comuni limitrofi, cercare di unire le forze per migliorare i servizi comuni, tra i quali l’ufficio di ragioneria e quello tecnico, ma anche altri che potranno essere potenziati e resi quindi più efficaci con sinergia». Tanti i punti che vede il programma della squadra di Maestri quindi articolato e strutturato: «Vogliamo preparare un piano triennale per la gestione e manutenzione delle strade di competenza alcune delle quali ormai impraticabili, costruire un progetto a stralci per la manutenzione straordinaria e ordinaria del verde pubblico: grande falla e al momento molto invalidante per il territorio». Circa questo argomento Maestri avanza l’ipotesi del “baratto”: «se gli agricoltori con i loro mezzi si mettessero a disposizione per colmare alcune mancanze gravose per l’Amministrazione anche dal punto di vista economico, come lo sfalcio dell’erba e delle alberature accanto alle strade, potrebbero usufruire di sgravi fiscali su tasse comunali nell’ottica di un obiettivo comune».

«Serve più attenzione alle tante preziose frazioni che sono state dimenticate da troppo tempo e quindi non valorizzate. Vogliamo rilanciarle anche coinvolgendo le realtà economiche rendendo loro più appetibile il territorio in cambio sempre di alcuni sgravi per un determinato periodo. Per incentivare serve premiare», ma non solo: «Gli eventi musicali, culturali, sportivi vanno organizzatiArrigo Maestri logo elezioni comunali 2021-2 sia in piazza sia proprio in quelle piccole frazioni che vedrebbero un importante afflusso di persone che gioverebbe alle attività dal punto di vista anche economico». «Sarà massima l’attenzione alle aspirazioni, ai bisogni dei giovani, degli anziani, delle famiglie agazzanesi. Vorremmo creare uno sportello permanente aperto uno o due giorni alla settimana per ascoltare,  per conoscere i problemi e intercettare bisogni e perplessità per mappare le esigenze di tutta la nostra popolazione e di lì agire. Abbiamo la fortuna di avere tante associazioni composte da altrettante persone capaci e volenterose che, se riunite sotto un’egida, si possono trovare nelle condizioni di essere quindi disposte a dare ciascuno il proprio contributo per la realizzazione di eventi di varia natura».

Di qui Maestri affronta la vocazione agricola del paese: «Un settore trainante che abbiamo il dovere di favorire con ogni strumento: Coldiretti e Campagna Amica ma anche Unione Agricoltori sono realtà fondamentali e imprescindibili. Sono tante le aziende agricole, vitivinicole, produttrici di miele (solo per citare alcuni settori): vorremmo che potessero avere uno spazio nel mercato settimanale: in questo modo il risultato sarebbe doppio, i cittadini avrebbero la possibilità di acquistare prodotti eccellenti a chilometro zero e le aziende agricole ne gioverebbero a loro volta, ça va sans dire. Infine” l’affaire sicurezza”: «Agazzano ne merita di più e più strutturata. Vorremmo dotare il territorio di telecamere moderne, all’avanguardia. Sceglierle con le collaborazione delle forze dell’ordine per averle fruibili e con sistemi operativi funzionali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ad Agazzano serve subito un radicale cambio di passo: i cittadini meritano risposte concrete»

IlPiacenza è in caricamento