Lista di centrosinistra a Caorso, è quella di Antonella Codazzi: «Fiducia, ambiente e trasparenza»

63 anni e insegnante di materie umanistiche in un istituto di Cremona, ha alle spalle esperienze in politica di oltre un ventennio

Antonella Codazzi

A Caorso scende in campo una lista di centrosinistra alla sfida elettorale del prossimo 26 maggio. A capo c’è la 63enne Antonella Codazzi, insegnante di materie umanistiche in un istituto di Cremona. «Ho ricevuto la richiesta di candidarmi da un’area piuttosto ampia, dal Pd al mondo cattolico ma non solo, anche tante associazioni». La Codazzi ha alle spalle esperienze da consigliera e assessore di oltre un ventennio, tra il 1975 e il 2000.

«Le parole chiave della nostra squadra sono fiducia, trasparenza e ambiente. Occorre ristabilire un clima di apertura all’altro, la politica oggi è avvelenata dall’odio, molto probabilmente ampliato dagli inizi della crisi economica. Trasparenza: il Comune è di tutti e occorre ristabilire un dialogo con i cittadini, informandoli costantemente di ciò che si vuole fare a nostro parere non sempre sono stati fatti buoni investimenti. Infine ci impegneremo a salvaguardare il territorio dal punto di vista ambientale: a Caorso si sono insediate negli anni diverse imprese che stoccano rifiuti: bisogna tornare ad avere».

"CAORSO CENTROSINISTRA" codazzi caorso-2

Antelmi Federica, 29 anni

Callegari Mario, 66 

Cattivelli Monica, 54

Ferrari Luigi, 70

Ferretti Silvia, 42

Finotti Romeo, 64

Laurenza Mikhail, 29

Rossi Giuseppe, 70

Savoretti Leonello, 71

Sbarufatti Michele, 30

Sottili Giuseppe, 72

Zanasi Giovanni Marino, 71

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Massimo la uccide e poi le scrive su WhatsApp. Perazzi chiamò due volte i carabinieri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento