rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Politica

La “futura” Giunta Barbieri: dentro Cavanna, Trespidi, Mazza e Monti

Dopo il primario di oncologia, la candidata del centrodestra annuncia metà della sua squadra: «Assessori competenti, d’esperienza e a tempo pieno»

«Avevo preso un impegno con la città: dissi che prima della chiusura della campagna elettorale avrei annunciato una parte della mia squadra di assessori». Patrizia Barbieri, sindaco uscente e candidata del centrodestra al ballottaggio del 26 giugno, svela i nomi di metà della “futura” Giunta (che diventerà tale in caso di vittoria).

Dopo il professor Luigi Cavanna, primario di Oncologia (prossimo alla pensione), già annunciato nei giorni scorsi, altri tre pezzi della squadra sono ora noti: Massimo Trespidi (ex presidente della Provincia dal 2009 al 2014), Mauro Monti (ex preside dell’Isii Marconi) e l’avvocato Barbara Mazza.

La Giunta vedrà quindi molti rappresentanti del “civismo” impegnati in prima persona. Trespidi e Mazza sono stati eletti in Consiglio comunale tra le fila della civica di Barbieri, lista sostenuta anche da Cavanna e da Monti. La futura Giunta Barbieri è quasi definita, considerando che, molto probabilmente, Jonathan Papamarenghi e Federica Sgorbati, verranno riconfermati nei loro ruoli (rispettivamente cultura e welfare). La stessa sindaca, al riguardo, ammette che «chi ha fatto molto bene, non ha nulla da temere». Quindi sei assessori su nove della Giunta sono in pratica già decisi. Rimangono tre posti per i partiti, Fratelli d’Italia e Lega, ma anche Forza Italia.

«Avevo rimarcato – ha spiegato le sue decisioni Barbieri - che servono competenze specifiche. Non annuncerò oggi le deleghe, perché voglio assegnarle in maniera precisa, cercando di rendere i ruoli degli assessori più efficienti. Ad esempio sport e lavori pubblici, con l’impiantistica sportiva, devono andare a braccetto. Così come ambiente, verde e le tematiche energetiche. O la cultura e il turismo. Barbieri ha parlato di «rinnovamento della squadra del centrodestra, che punta tutto sulle capacità e le conoscenze». Inoltre, i quattro assessori garantiscono di lavorare a «tempo pieno».

Saranno a tempo pieno anche gli altri assessori? «Se invece di 12 ore al giorno ne hanno da dedicare poche - risponde Barbieri - non si lavora bene e non si riescono ad ascoltare i cittadini».

I COMMENTI

«Ringrazio per la fiducia che Barbieri ci riconosce - ha detto Trespidi - concordo nel dire che i prossimi anni saranno intensi e impegnativi dal punto di vista amministrativo e organizzativo, bisogna rivedere la macchina comunale e la sua efficienza. Esperienza, competenza e passione sono caratteristiche di queste persone volute dal sindaco: è necessario un cambio di passo, un rinnovamento per lanciare la nuova azione amministrativa. «Ringrazio per l’attestato di fiducia - è il pensiero di Mazza, figlia dell’ex presidente del Consiglio comunale, Carlo Mazza, figura storica del centrodestra - garantisco il massimo impegno». «Onorato della richiesta del sindaco – ha aggiunto Monti, consigliere comunale uscente di “Liberi” -, per indole amo affrontare delle sfide. Sfide “non al buio”: su alcune materie come la scuola, l'Amministrazione ha messo le basi. Ad esempio per creare gli istituti comprensivi, che hanno bisogno di nuovi edifici. Ci sono le condizioni per mettere mano, in modo corposo, alla riorganizzazione della scuola in città. Non siamo all'anno zero».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “futura” Giunta Barbieri: dentro Cavanna, Trespidi, Mazza e Monti

IlPiacenza è in caricamento