Franco Albertini: a Pecorara, abbiamo mantenuto le promesse

E' stato rieletto sindaco di Pecorara, Franco Albertini, con il 58.36% dei voti. “Abbiamo mantenuto tutte le promesse, nella passata amministrazione” ha detto il neo eletto. E adesso si rimette al lavoro, con una lista rinnovata, nel nome e nei fatti

Ha “preso” 349 voti su 598 totali, Franco Albertini ed è stato di diritto rieletto sindaco di Pecorara. E, adesso che inizia il suo secondo mandato, si guardia indietro e ammette: “Direi che il bilancio è più che positivo perchè, dati alla mano, il programma che avevamo presentato nel 2004 è stato completamente rispettato”. Forse è uno dei motivi per cui ha raccolto il 58.36% dei consensi, battendo lo sfidante Carlo Roberto Miotti.

A dire il vero, ammette Albertini, c'è un punto del precedente programma che la sua Giunta non è riuscito a completare. “Ma lo faremo in questo secondo mandato” assicura il neo primo cittadino, questione solo di trovare i finanziamenti.
Lungi dall'essere una ripetizione della precedente, la nuova amministrazione Albertini si presenta con una lista di cambiamenti, di nome e di fatto. Si chiama infatti “Rinnovamento Pecorara” la lista del sindaco ed è composta da vecchie guardie ma, al 50% anche da nuove persone.
  I servizi sociali prima di tutto, sono un atto dovuto, visto che a Pecorara gli anziani sono numerosi  

“I candidati si rinnovano” spiega Albertini, “ci presentiamo alla popolazione con una lista ringiovanita, con nuove leve giovani in un comune dove la popolazione è a maggioranza over 65”.

Poi, i punti sui quali “battere” nei prossimi cinque anni: “i servizi sociali prima di tutto, sono un atto dovuto, visto che a Pecorara gli anziani sono numerosi” ammette il primo cittadino. Nessuna esigenza particolare, puntualizza, ma il sociale resta comunque una priorità. Fondamentale anche la manutenzione stradale: “il nostro è un comune di alta collina e montagna, con territorio molto franoso. La cura e la manutenzione della viabilità sono essenziali”.

Infine, serve incentivare lo sviluppo turistico, “il futuro della nostra economia”. L'agricoltura, ha spiegato il sindaco, non è più quella di una volta. “Esistono ancora realtà agricole importanti, ma per sopravvivere si sono adattate, diversificando la coltura e allevando suini e bovini per produzione di carne e latte”.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento