Sforza Fogliani incontra Fogliazza (LN): "Meno burocrazia per la compravendita di immobili"

"Un'anomalia". E' definita così da Corrado Sforza Fogliani, al point della Lega Nord, in Regione, l'obbligo del certificato energetico per ogni attività di compravendita

«L'Emilia Romagna è una regione anomala, anche rispetto alle amministrazioni del suo stesso colore politico. Sulle certificazioni energetiche, infatti, al contrario di Toscana e Puglia non si è ancora adeguata alla normativa nazionale che elimina l’obbligo di allegare, per tutte le attività di compravendita e locazione, il certificato energetico dell’immobile».

NO ALLA CERTIFICAZIONE PER INTERVENTI DI POCO CONTO - Lo ha sottolineato il presidente nazionale di Confedilizia, l’avvocato Corrado Sforza Fogliani, incontrando questa mattina, al point della Lega Nord in via XX Settembre 89, il consigliere regionale leghista (e candidato) Luigi Fogliazza, al quale ha innanzitutto dato atto «dell’impegno sui temi della bonifica e delle certificazioni energetiche». Il consigliere del Carroccio, tra le altre cose, ha recentemente presentato un’interrogazione alla giunta regionale per spingere via Aldo Moro ad adeguarsi a quanto disposto da Roma sugli attestati energetici, ha chiesto a Bologna di eliminare anche la certificazione antisismica obbligatoria per interventi di poco conto ed ha auspicato un rapido adeguamento della Regione al piano case nazionale, ribadendo il suo impegno a continuare le battaglie nel settore edilizio anche in futuro. All’incontro anche il presidente di Confedilizia Piacenza, Giuseppe Mischi e il direttore Maurizio Mazzoni.

NO AL TRIBUTO DELLE BONIFICHE - Per quanto riguarda il capitolo bonifiche Fogliazza ha ribadito la «necessità di eliminare il tributo ai cittadini che non ne hanno un beneficio specifico», ponendo l’accento sul «nulla prodotto dagli stessi consorzi per la prevenzione del dissesto nelle zone montuose». La proposta dell’esponente leghista – delegare agli enti locali le competenze dei consorzi – trova già una prima applicazione – come sottolineato dal presidente di Confedilizia – nella regione Toscana, «che ha delegato ai consigli provinciali l’approvazione dei piani di classifica».

TROPPA VORACITA' DELLA BUROCRAZIA - «C’è un rapporto "incestuoso" – ha detto Sforza Fogliani – tra Emilia Romagna e bonifica che riceve soldi dalla Regione e ne chiede ai cittadini. Confedilizia ha avviato una battaglia per difendere la proprietà immobiliare urbana dalle pretese di quei consorzi che – protetti dalle Regioni – chiedono ai soli proprietari di immobili contributi che – evidentemente – andrebbero posti a carico della fiscalità generale». «La storia ci insegna – concordano i presenti – che la voracità della burocrazia ha condannato alla fine sistemi e regimi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento