Fondi sicurezza, Zanetti (LN): "Piacenza fuori non per motivi politici"

Il candidato leghista alle Regionali Zanetti interviene sui progetti destinatari dei fondi per la sicurezza (100 milioni di euro su base nazionale): "Il sincado Reggi non addossi le colpe al ministro Maroni: Piacenza è stata esclusa per i contenuti, non per motivi politici"

«Il sindaco non addossi le colpe al ministro Maroni se il comune che lui amministra è stato escluso dai progetti destinatari dei fondi per la sicurezza (100milioni di euro su base nazionale). E che non si dica che i soldi sono stati stanziati solo per le amministrazioni amiche, visto che la commissione valutatrice era indipendente e che sono stati selezionati comuni di ogni schieramento politico». Torna a parlare di sicurezza il candidato leghista alle prossime regionali Medardo Zanetti.

«Vista l’esclusione dalle 159 realtà che hanno beneficiato dei 100 milioni - prosegue -, il sindaco Reggi dovrebbe fare mea culpa. Evidentemente la commissione ha giudicato di secondaria importanza le idee messe in campo: le unità mobili polivalenti per la prevenzione dei conflitti sociali e le misure pensate per la “prevenzione dell’illegalità e la diminuzione dei fenomeni di abusivismo” nei campi rom. Il fatto che i fondi siano andati a comuni più piccoli del nostro non vuol dire niente: ci sono realtà di ridotte dimensioni territoriali che vivono grandi emergenze sul fronte sicurezza». 

Preso atto dei numeri diffusi in questi giorni e della sostanziale stabilità dei reati («ancora troppo numerosi in valore assoluto»), Zanetti invita «tutti gli amministratori locali a costituirsi parte civile nei processi contro i violentatori (possibilità contemplata dalla cosiddetta “legge anti-stupri” del luglio scorso) chiaro segnale che certi atti criminosi ledono non solo le vittime, ma l’intera comunità. Non solo. Auspichiamo anche che i criminali vengano assicurati alla giustizia in tempi rapidi, e che, sempre in tempi rapidi, la magistratura assegni loro pene severe con una permanenza effettiva nelle nostre carceri».

«Infine, mi farebbe piacere - continua - vedere qualche istituto locale lanciare uno studio ad hoc per verificare quanti reati non vengono denunciati dai cittadini e per quali motivi. Dal dettaglio potremmo ricostruire, in forma sistematica, il grado di percezione della sicurezza e della legalità in provincia». «Discorso a parte - conclude Zanetti - meritano le richieste di mezzi e personale da parte delle forze dell’ordine, il cui appello dovrebbe trovare sempre una risposta positiva da parte di tutte le istituzioni piacentine, possibilmente in un’ottica bipartisan».
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento