Lega Nord, presentati i candidati: "Errare è umano, Errani è diabolico"

Nell'auditorium di Sant'Ilario sono stati presentati ufficialmente i tre candidati della Lega Nord: Zanetti, Fogliazza e Cavalli. L'onorevole Alessandri: "I sondaggi ci danno attorno al 15-16 per cento regionale. Possiamo vincere, dobbiamo riuscire a parlare al cuore degli emiliano romagnoli"

I candidati della Lega Nord in Sant'ilario
«I sondaggi ci danno attorno al 15-16 per cento regionale. Possiamo vincere, dobbiamo riuscire a parlare al cuore degli emiliano romagnoli. Piacenza? Deve aver funzione di trade union tra una Regione che, dopo la riammissione di Formigoni, vinceremo e l’Emilia dove pure – io credo – riusciremo a portare a casa la vittoria. Sono sicuro che anche qui confermeremo il consigliere regionale con percentuali superiori al 20 per cento».

Lo ha detto il presidente federale della Lega Nord della Commissione Ambiente della Camera, Angelo Alessandri, nel giorno della presentazione ufficiale, all’auditorium piacentino “Sant’Ilario”, dei tre candidati leghisti locali alle prossime regionali: Luigi Fogliazza, Stefano Cavalli e Medardo Zanetti che – sulla scorta dell’esempio dell’aspirante presidente del Piemonte, Roberto Cota – hanno firmato il “Patto per la vita e la famiglia”, documento che rigetta l’Ru486, ogni forma di eutanasia e rifiuta «l’omologazione della famiglia fondata sul matrimonio a qualsiasi altra forma di convivenza, anche omosessuale».

«La cosiddetta kill pill – ha spiegato l’onorevole Massimo Polledri, promotore dell’iniziativa – condanna le donne ad abortire, barbaramente, tra le mura di casa. È fermo e deciso il nostro no all’eutanasia, con forza e sicurezza vogliamo dire sì alla vita. La famiglia? Per noi è fatta da uomo e donna. Noi della Lega non abbiamo alcuna intenzione di pagare il conto dei vari trans di Marrazzo».

I recenti scandali del Pd e il «fallito modello rosso dell’Emilia Romagna» hanno fatto dire ad Alessandri, in uno slogan ad effetto: «Errare è umano, Errani è diabolico». Il quadro del crescendo elettorale è stato tracciato dal segretario provinciale Pietro Pisani.

«Il trend è più che positivo, premia una Lega del fare. Alle regionali del 2005 eravamo neanche al 5 per cento. Alle ultime Europee la lega emiliano romagnola è balzata oltre l’11 per cento. La gente, e i piacentini in particolare, sono stanchi di una regione Bologna-centrica. Il modello federalista deve partire dalle Regioni. L’obiettivo è la piena indipendenza della Padania che riporterà al Nord, si stima, 50 miliardi di euro. Soldi nostri, per la nostra gente».
 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento