Esodati, Rancan (Ln): "Approvata la nostra risoluzione sul sostegno ai lavoratori"

Piena soddisfazione da parte di Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord, primo firmatario di una risoluzione a sostegno degli esodati e contro la riforma Fornero, approvata oggi dalla commissione Sanità e Politiche Sociali di via Aldo Moro

Piena soddisfazione da parte di Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord, primo firmatario di una risoluzione a sostegno degli esodati e contro la riforma Fornero, approvata oggi dalla commissione Sanità e Politiche Sociali di via Aldo Moro. “Finalmente – spiega Rancan – si prende coscienza di un problema. Con l’approvazione della mia risoluzione alla quale è stata abbinata una del Pd, si torna a parlare di un problema reale, quello degli esodati, che il Pd stesso ha contribuito a creare con il voto a favore della scellerata riforma Fornero”. “Alla Lega Nord – continua – il merito di avere riportato l’attenzione dei riflettori su un tema delicatissimo che non può essere dimenticato. E’ il momento che Bonaccini si faccia sentire a Roma affinché le Commissioni lavoro di Camera e Senato accelerino l’iter per l’approvazione delle due proposte di legge messe a punto per sanare la questione dei lavoratori rimasti all’improvviso senza stipendio, assegno di pensione ed ammortizzatori sociali”. Due le richieste contenuto della risoluzione approvata: in primo luogo, l’onere di invocare un accorciamento dei tempi di chiusura della Conferenza dei servizi sulle precedenti sette salvaguardie, in corso per la verifica delle risorse disponibili. Infine, la promesso di fare appello ai presidenti delle Commissioni lavoro di Camera e Senato per l’assegnazione urgente della sede legislativa della Commissione lavoro, allo scopo di varare un provvedimento autonomo sull’ottava salvaguardia a sostegno degli esodati non ancora tutelati. “Si tratta – conclude Rancan – di un impegno che il presidente della Regione può assumere immediatamente. È improrogabile e doveroso porre rimedio quanto prima alla scellerata legge Fornero che ha creato quest’anomalia”.

Esodati. Molinari e Tarasconi (PD): ‘Chiediamo che il Governo reperisca le risorse per l’ottava salvaguardia’

Sì unanime della Commissione Politiche sociali dell’Assemblea Legislativa a due risoluzioni – una presentata dal PD con primo firmatario il Consigliere Gian Luigi Molinari e sottoscritta anche dalla collega Katia Tarasconi, l’altra da Fratelli d’Italia – sulla questione ancora non definitivamente risolta degli esodati. I lavoratori esodati, coloro che dopo la legge Fornero hanno subito retroattivamente l’innalzamento dell’età pensionabile restando così senza stipendio né pensione, sono stati al centro, dal 2012 ad oggi, di sette provvedimenti del Governo, le cosiddette salvaguardie, che hanno permesso loro di andare in pensione con le regole vigenti prima della riforma. “Dopo l’ultimo provvedimento inserito nella Legge di stabilità del 2015, le persone messe in sicurezza sono state complessivamente oltre 172mila, per una spesa stimata di circa 9 miliardi di euro. – spiegano Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi – Il problema non è risolto però, visto che altre 23mila persone si trovano ancora escluse dai provvedimenti sino a qui approvati”. “L’Emilia-Romagna chiede quindi al Governo di individuare le risorse necessarie per garantire l’intervento definitivo di salvaguardia affinché coloro che sono risultati esclusi anche dall’ultimo provvedimento vedano risolta la loro situazione. Insieme alla Giunta regionale – sottolineano i Consiglieri piacentini – ci impegniamo a continuare a seguire con attenzione i lavori parlamentari”. “Dare il giusto riconoscimento anche agli ultimi lavoratori rimasti fuori pensiamo sia una questione fondamentale perché risponde ad un diritto. L’Assemblea Legislativa è compatta, come dimostra il voto unanime di oggi a due distinti documenti presentati uno dalla maggioranza e l’altro dall’opposizione, di fianco alla Giunta regionale nel sollecitare il Governo nazionale a compiere gli ultimi passi che mancano per dare risposta a chi ancora la sta aspettando” concludono Molinari e Tarasconi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento