Expo, Lega Nord: «Politiche e investimenti fallimentari, il Pd faccia ammenda»

«A tre mesi dall’inaugurazione di Expo 2015 i benefici dei quali il Piacentino avrebbe dovuto risentire grazie alla visibilità data dall’evento mondiale non si sono manifestati. E se consideriamo la somma investita dalle autorità piacentine, possiamo non a torto parlare di fallimento e di spreco di risorse pubbliche»

- «A tre mesi dall’inaugurazione di Expo 2015 i benefici dei quali il Piacentino avrebbe dovuto risentire grazie alla visibilità data dall’evento mondiale non si sono manifestati. E se consideriamo la somma investita dalle autorità piacentine, possiamo non a torto parlare di fallimento e di spreco di risorse pubbliche». È netto il parere della segreteria provinciale della Lega Nord alla luce delle dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi da organizzatori della kermesse e da operatori locali. «I soli cinquecento visitatori nel nostro territorio in cento giorni,  così come gli incrementi minimi di biglietti staccati al Farnese e alla Ricci Oddi nella prima metà dell’anno, - rileva il Carroccio - non possono essere certo giudicati come una spinta per il settore turistico piacentino. L’errore commesso dalle istituzioni  è evidente: impegnare 800 mila euro attraverso l’Associazione temporanea di scopo  non ha dato i frutti sperati. Comune e provincia di Piacenza, a trazione Pd, hanno perso non solo soldi, ma anche una straordinaria occasione per promuovere le peculiarità della città e delle valli.  È sfumata così l’opportunità di creare indotto e dare una boccata d’ossigeno a chi opera nel ramo della ricettività e del commercio in un periodo di grave sofferenza.

Visto il trend dell’affluenza turistica nel Piacentino in questi mesi – continua la segreteria leghista-, riuscire ad invertire la rotta entro il 31 ottobre, data di chiusura di Expo, appare impossibile. A novembre attenderemo dunque che il Pd, così sicuro della necessità di un impegno finanziario tanto consistente, faccia pubblica ammenda ed ammetta l’insuccesso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento