«Fermiamo la mafia nigeriana e annientiamo i suoi capisaldi. Noi di Forza Nuova avevamo ragione»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

"Dare a Cesare quel che è di Cesare"

Quando il 5 agosto 2018 FORZA NUOVA PIACENZA appese uno striscione in Via Colombo per denunciare che anche nella nostra città la mafia nigeriana aveva allungato i suoi tentacoli, molti fra i politici locali fecero spallucce alla nostra iniziativa.

Questo è il testo l'articolo inviato allora:

Fermiamo la mafia nigeriana e annientiamo i suoi capisaldi. Fermiamo l"immigrazione dal continente africano, lasciamo in quella terra i riti voodoo  e difendiamo la nostra millenaria civiltà con lo scudo e la spada». E' il concetto che esprime Forza Nuova Piacenza in una nota che accompagna la comparsa di un grande striscione che l'altra sera è stato appesa su una recinzione in via Colombo.

«Sta allungando anche a Piacenza i propri tentacoli la potente mafia nigeriana - sul delle nella nota - che è bene ricordarlo, trae i profitti del traffico della droga e dallo sfruttamento della prostituzione. Nella sua ultima relazione la Direzione investigativa antimafia, parla anche di tratta di esseri umani e della violenza inaudita esercitata da questa organizzazione criminale. Forza Nuova per voce del suo segretario nazionale Roberto Fiore da tempo ha messo in guardia istituzioni e l'opinione pubblica sul fenomeno criminale della mafia nigeriana, e le sue infiltrazioni in ambienti massonici»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento