menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fi: «Troppi lupi e volpi nelle campagne e in Appennino, urge aggiornare i piani di controllo»

Altra criticità, secondo i forzisti in Regione, riguarderebbe la gestione degli Ambiti territoriali di caccia (Atc) riguardo ad attività e orari

Un adeguamento dei piani di controllo sugli ungulati (caprioli, cervi, daini, cinghiali) e un ripristino dei piani di contenimento dei lupi e delle volpi. Lo chiede Forza Italia in un'interrogazione. «Nella nostra regione la situazione di sovrappopolamento della fauna selvatica starebbe arrecando danni milionari all'agricoltura e all'ambiente, incidenti stradali e situazioni di pericolo nelle aree urbane» si legge nell'atto. In particolare, la situazione diventerebbe emergenziale «nelle campagne e nelle zone appenniniche» dove appare necessario un aggiornamento dei piani per «tutelare l'incolumità dell'uomo e limitare il più possibile i danni alle aziende agricole e zootecniche». Sarebbero, infatti, aumentate le «aggressioni da parte di lupi e volpi, negli ultimi anni in modo esponenziale, verso greggi di pecore e pollame con danni ingenti agli allevatori». Fi domanda anche se la Regione abbia in programma iniziative per gestire in modo adeguato l'immissione di fauna stanziale (fagiani, lepri, etc...). Inoltre, sottolineano i proponenti, «andrebbe affrontata anche la questione relativa al miglioramento della sicurezza per chi pratica l'attività della caccia tramite un incremento degli standard di sicurezza delle altane, in particolare nelle zone di pianura» visto che ci sarebbero delle «disparità rispetto a quelle di montagna». Altra criticità, riguarderebbe la gestione degli Atc (Ambiti Territoriali di Caccia). Più in specifico, si chiede alla Regione di avviare iniziative amministrative con le associazioni di caccia per puntare a un maggior coinvolgimento dei capi caccia e più flessibilità d'orario per permettere ai cacciatori di potersi recare negli Atc in differenti momenti nell'arco della giornata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento