Foti a De Micheli: «Dosi e Pd erano per i militari: anche loro irresponsabili?»

Il deputato di Fratelli d’Italia risponde alla vice segretaria nazionale del Pd sull’impiego dei militari per la sicurezza della città

Non si fa attendere la replica di Tommaso Foti all'accusa di «irresponsabilità» rivoltagli dalla vice segreteria nazionale del Partito Democratico Paola De Micheli. «La smemorata onorevole De Micheli si guarda bene dal dire che la richiesta di un nuovo utilizzo dei militari a Piacenza, nell'ambito della operazione strade sicure, venne per primo richiesta dal sindaco del suo partito - Paolo Dosi - che il 20 gennaio 2016 dette l'annuncio di avere formulato al prefetto una richiesta in tal senso nel corso della tradizionale Festa della Polizia Locale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Evidentemente troppo occupata dalle intestine liti romane ‎che devastano il suo partito - continua il parlamentare di Fratelli d'Italia - la De Micheli ignora, o fa finta di farlo, che in ben due occasioni in consiglio comunale, una volta dai banchi della maggioranza e una volta da quelli della minoranza, i consiglieri del PD del capoluogo hanno ritenuto utile richiedere l'assegnazione di un contingente di militari in servizio di ordine pubblico nella nostra città». «Nel definire “irresponsabili” i componenti dei consigli comunali che, pur in ruoli amministrativi diversi, hanno convenuto essere utile alla città il ricorso ai militari - prosegue Foti - la De Micheli mostra un complesso di superiorità, nei confronti di coloro che localmente rappresentano il suo come altri partiti, che mal si coniuga, con gli scadenti risultati da lei personalmente conseguiti, ad ogni tornata elettorale, nel territorio piacentino». «Se quella della esponente del PD vuole essere una polemica fine a se stessa e solo buona per apparire gliela lascio tutta, ma non venga ad insegnare che cosa serve - o meno - per aumentare la sicurezza sul territorio piacentino, evocando - per di più - mai percepiti meriti al riguardo da parte del Governo di centro sinistra. E' certo che se l'esponente del PD frequentasse più qualche festa di paese anziché animare talk show e salotti televisivi - conclude Foti - avrebbe una migliore e più chiara percezione di cosa chiedono i piacentini e, come in questo caso, si risparmierebbe figure barbine».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • Travolta da un'auto mentre attraversa la strada in bici, muore una donna

  • Si ribaltano nel campo dopo la nottata in discoteca, illesi cinque giovani

  • Maltempo in arrivo sul Piacentino, allerta per temporali e frane

  • Foto tra ragazzini a cavallo del Milite Ignoto. L'ira del sindaco: «Offensivo per la Nazione, denunciateli»

  • Frontale fra una bici e una moto in Valtrebbia, due feriti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento