rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Foti chiede verifiche all'Asp sull'inquadramento degli infermieri al Vittorio Emanuele

Da partita Iva a cooperativa e ritorno per mantenere il contratto nella casa protetta. Il consigliere regionale chiede l'intervento della giunta, preoccupato anche che la situazione si riverberi sulla "qualità del servizio offerto"

È Tommaso Foti di Fratelli d’Italia-An a intervenire sul tema della gestione del personale infermieristico che presta servizio all’Asp Città di Piacenza nel Pensionato e Casa protetta Vittorio Emanuele II. Personale, spiega, “cui è stato più volte modificato il rapporto di lavoro: prima titolare di incarico con partita Iva, poi trasferito a una cooperativa e quindi licenziato per essere assunto da un’agenzia interinale con contratto a tempo indeterminato”. A questi lavoratori, prosegue, “viene ora chiesto di dimettersi per proseguire, dal 1^ gennaio, nell’attività, nuovamente con partita Iva”. Sfuggono, sottolinea il consigliere piacentino, “le ragioni di questi cambiamenti, causa di comprensibili preoccupazioni per il personale interessato, che, come noto, svolge una mansione delicata e importante”. Situazione, conclude, “che rischia quindi di riverberarsi sulla qualità del servizio offerto”. Nell’interrogazione si chiede alla Giunta di intervenire, per sollecitare l’Asp Città di Piacenza a “effettuare le dovute verifiche al riguardo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foti chiede verifiche all'Asp sull'inquadramento degli infermieri al Vittorio Emanuele

IlPiacenza è in caricamento