Foti e Murelli: «Perché la donna positiva non è stata ricoverata nel reparto “malattie infettive” da subito?»

Interrogazione dei deputati piacentini Tommaso Foti (Fd’I) ed Elena Murelli (Lega): «Alle riunioni in prefettura esclusi sistematicamente i parlamentari»

Tommaso Foti ed Elena Murelli in una foto di repertorio a Roma

«L’emergenza provocata dal cosiddetto Corona virus richiede l’applicazione scrupolosa, soprattutto nei presidi ospedalieri, di protocolli volti a scongiurare la sua possibile diffusione negli stessi». Così Tommaso Foti ed Elena Murelli, rispettivamente deputati piacentini di Fratelli d’Italia e Lega, che hanno presentato un’interrogazione in commissione sanità alla Camera per fare luce su alcune questioni legate all’emergenza Coronavirus tra Lombardia ed Emilia-Romagna. «Risulta che il giorno 21 febbraio – spiegano Foti e Murelli nell’interrogazione - verso le ore 10, sia giunta al Pronto Soccorso dell’ospedale di Piacenza una persona anziana, proveniente da Codogno (Lodi), che presentava sintomi di grave polmonite virale, compatibili con il citato virus. Alle ore 17 del predetto giorno - quando già l’assessore alla sanità della Regione Lombardia aveva annunciato che nella provincia di Lodi, in particolare nel comune di Codogno, si sospettava la possibile diffusione del corona virus - la citata paziente veniva ricoverata al reparto di Medicina Interna dell’ospedale di Piacenza - struttura priva dei presidi atti ad adeguatamente tutelare il personale medico e di assistenza, oltre che i ricoverati, dalla possibile contrazione del virus in questione - anziché nel reparto di Malattie Infettive. Solo successivamente, accertato che la paziente risultava positiva ai test del corona virus, la stessa veniva trasferita nel reparto di Malattie Infettive».

«Resta però da accertare e verificare se il personale di medicina interna e le persone eventualmente venute a contatto con la predetta paziente nella struttura ospedaliera di Piacenza debbano - o meno - essere sottoposte al periodo di quarantena. Risulta altresì essere stata ricoverata presso la medicina d’urgenza anziché al reparto di Malattie Infettive, sempre dell’ospedale di Piacenza, la manager di un’importante azienda con sede a Casalpusterlengo (Lodi), in seguito - fortunatamente - risultata negativa ai test volti ad accertare o meno la contrazione del virus». «Resta da accertare anche se le questioni sopra rappresentate siano state affrontate nelle riunioni convocate dalla Prefettura di Piacenza - riunioni dalle quali sono stati sistematicamente esclusi i parlamentari del territorio piacentino, costretti ad apprendere delle decisioni assunte nelle stesse dai giornali online - e in caso di risposta affermativa - quali specifiche iniziative siano state assunte al riguardo».

«Nel caso in cui le questioni rappresentate risultino ignote, se e quali urgenti iniziative intendano suggerire e/o assumere i Ministri interrogati al fine di evitare il possibile ripetersi di fatti analoghi a quelli evidenziati, e ciò a tutela - in primo luogo - della salute pubblica. È a conoscenza dei Ministri interrogati - e quale ne sia la valutazione - il fatto che dalle riunioni convocate presso la struttura ospedaliera di Piacenza per valutare come fronteggiate la situazione organizzativa della stessa, soprattutto in ragione della chiusura del vicino ospedale di Codogno, siano sistematicamente escluse le capo sala?».

«Quali specifiche azioni risultano assunte per adeguatamente informare - ma non solo - i medici di medicina generale - da sempre, in ogni emergenza, in prima linea - che allo stato risulterebbero privi di specifiche indicazioni sulle procedure e le azioni da intraprendere, oltre che dei dispositivi di primo intervento (Dpi)? Risulta infine in essere – ed è stato condiviso con il Ministro della Salute - un protocollo della Regione Emilia-Romagna volto ad affrontare e gestire l’attuale situazione di crisi, atteso che l’affermazione resa alla conferenza Stato-Regioni dal presidente Bonaccini secondo il quale la filiera della prevenzione “pare stia funzionando” risulta smentita dai fatti più sopra evocati?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto vicino al suo camion, indagini in corso

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento