menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foti (Fdi): «Produzione castagne azzerata per colpa della vespa cinese, la Regione intervenga»

nterrogazione alla Giunta nella quale il consigliere ricorda che il decreto legge 51/2015 consente di accedere a un fondo di solidarietà nazionale. 3mila ettari la superficie coltivata in Emilia-Romagna

Nelle ultime tre annate, la produzione regionale di castagne “è stata praticamente azzerata per i danni arrecati dal ‘driocosmus’, la vespa cinese”. E’ quanto denuncia il consigliere Tommaso Foti (Fdi) in una interrogazione rivolta alla Giunta regionale, in cui ricorda che la superficie coltivata a castagneto da frutto, in Emilia-Romagna, è di circa 3000 ettari e che questa coltura "rappresenta per i territori collinari e montani, se non l’unica, la maggiore fonte di reddito".

Il decreto legge 51/2015 - segnala Foti - prevede che le "Regioni possano dichiarare, entro 60 giorni dalla sua entrata in vigore, lo stato di calamità provocato dal cinipide, il che permette di accedere al fondo di solidarietà nazionale previsto dalla norma".

Foti vuole quindi sapere quali provvedimenti abbia assunto la Regione per dare seguito a quanto disposto da questa legge in modo da consentire ai produttori regionali di poter accedere ai benefici. In caso contrario, il consigliere chiede i motivi per cui non siano state attivate le procedure previste dalla legge e a chi se ne debbano ascrivere le responsabilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento