rotate-mobile
Politica

Foti: "Fisioterapia per malati di Parkinson svolta in una struttura non idonea"

Il consigliere di Fratelli d'Italia sollecita la Regione a "intervenire per risolvere i problemi strutturali o spostare l'attività in locali inutilizzati di proprietà pubblica"

La situazione di degrado della struttura dell’Unità operativa di medicina estensiva dell’Ausl di Piacenza che, nel quartiere Baia del Re a Piacenza, ospita l’attività di fisioterapia destinata ai pazienti affetti da morbo di Parkinson, è oggetto di un’interrogazione presentata in Regione da Tommaso Foti (Fdi-An). L’attività di fisioterapia per malati di Parkinson – si legge nell’atto ispettivo – viene svolta in un corridoio della struttura in questione che, oltre a essere un punto di passaggio per l’acceso ai servizi igienici, periodicamente si allaga a causa di perdite d’acqua dal soffitto, tanto che per contenerle viene collocato un secchio sul pavimento al di sotto del punto di fuoriuscita. Si tratta – sottolinea il consigliere – di un rimedio poco dignitoso che costituisce un pericolo e un ostacolo per chi percorre il corridoio. Foti, pertanto, chiede alla Giunta regionale “se intenda sollecitare l’Ausl di Piacenza a intervenire con urgenza per risolvere la soluzione, valutando anche di trasferire l’attività di fisioterapia in locali idonei all’interno di immobili di proprietà pubblica inutilizzati”. Domanda, infine, all’esecutivo regionale “se l’immobile che ospita la struttura utilizzata per l’attività di fisioterapia sia di proprietà dell’Ausl di Piacenza o sia, come parrebbe, dalla stessa preso in locazione, nel qual caso si chiede di conoscere il canone annuo pagato e quali spese di manutenzione straordinaria siano state effettuate negli ultimi tre anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foti: "Fisioterapia per malati di Parkinson svolta in una struttura non idonea"

IlPiacenza è in caricamento