Foti: «Val Trebbia “penalizzata” dalla trasformazione della struttura di Bobbio in ospedale di comunità»

I "posti letto in strutture pubbliche per pazienti acuti sono già ben al di sotto degli standard previsti dalla spending review"

 La decisione assunta di recente dai vertici dell’Ausl di Piacenza di convertire l’ospedale di Bobbio in ospedale di comunità, con il conseguente declassamento dell’Unità operativa complessa "Medicina interna e primo intervento Bobbio" in “Unità operativa semplice”, con graduazione B1, afferente all’Unità operativa complessa "Medicina interna Val Tidone", è al centro di un’interrogazione di Tommaso Foti (Fdi-An), che chiede alla Giunta regionale quale giudizio esprima su questa scelta che “costituirà, nel tempo, un'ulteriore grave penalizzazione per gli abitanti della Val Trebbia e per i tanti turisti che popolano la zona nel periodo estivo”. Foti denuncia il fatto che nel territorio piacentino “i posti letto in strutture pubbliche per pazienti acuti sono già ben al di sotto degli standard previsti dalla spending review del governo Monti (3 per mille abitanti), la percentuale, escludendo i posti letto nelle strutture private, è infatti attualmente pari a 2,66 per mille e, con la chiusura della Medicina di Bobbio, verrà a ridursi ulteriormente”. “Una carenza - aggiunge - confermata dalla crisi in cui versa in questi giorni il Pronto soccorso di Piacenza, che non si giustifica con l’emergenza influenza, e dal dato particolarmente preoccupante di circa 1500 ricoveri in appoggio nel 2016, notevolmente aumentati rispetto al 2015”. “L'ubicazione dell'ospedale di Bobbio, a 45 chilometri di distanza da quello di Piacenza e a circa 50 chilometri dalle prime strutture ospedaliere della provincia di Genova, oltre al tasso d'invecchiamento della popolazione, circa 15.000 persone, residente nell'area di riferimento, e alla presenza di una Casa protetta e di una Residenza protetta a Bobbio, di una  Comunità alloggio a Ottone e di due Case protette in comune di Rivergaro, - scrive Foti -  avrebbero dovuto suggerire di evitare la conversione dell'ospedale di Bobbio in ospedale di comunità, con un progressivo ridimensionamento e svuotamento delle funzioni assolte in precedenza: insomma, una ‘morte annunciata’, per l'unica struttura ospedaliera della Val Trebbia”. Ma, a parere di Foti, l’istituzione dell’ospedale di comunità pone anche “alcuni rilevanti problemi clinico-legali” a cui dovrebbe dare risposta l’assessore regionale alle Politiche per la salute. Il consigliere vuole infatti sapere se la presenza del Pronto soccorso all’ospedale di Bobbio sia compatibile con la sua trasformazione in ospedale di comunità, chiede inoltre quale personale medico garantirà una copertura 24 ore su 24 delle emergenze-urgenze, tenendo presente che, nel caso in cui sia necessario che il medico di turno assista un paziente grave in trasferimento a Piacenza, si porrà il problema di una reperibilità medica e domanda se saranno i medici del 118, i medici di medicina generale o i medici che ancora lavorano all’ospedale di Bobbio in numero sempre più esiguo ad assistere e curare i pazienti in reparto e al Pronto soccorso (24 ore su 24, per 365 giorni all’anno). Altri quesiti: quali pazienti potranno essere ricoverati nei posti letto dell’ex reparto di Medicina, considerando che “si tratta di posti letto gestiti da personale infermieristico”, e, infine, se esista contraddizione tra l'istituzione di un ospedale di comunità con le caratteristiche di legge previste e ampiamente dettagliate dal direttore generale dell’Ausl di Piacenza e il mantenere una Unità operativa semplice B1 ospedaliera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento