Francesconi: sull'energia, la Provincia ha idee poco chiare

“Capisco l’imbarazzo ingenerato dal dover conciliare posizioni antitetiche, ma i piacentini han diritto di sapere qual è la posizione della Giunta Boiardi sull’energia”. Così Francesconi Pdl, sul costituendo piano energetico della Provincia

Pubblichiamo l'intervento di Luigi Francesconi (Pdl), seguito all'incontro di ieri promosso dalla Provincia sul costituendo piano energetico e diffuso oggi ai mezzi di informazione. “Capisco l’imbarazzo ingenerato dal dover conciliare posizioni antitetiche, ma i piacentini han diritto di sapere qual è la posizione della Giunta Boiardi sull’energia”, ha esordito Francesconi.

Francesconi, classe 1944, nato a Gragnano e residente a Borgonovo è attualmente Vice Presidente della Commissione assembleare "Territorio, Ambiente, Mobilità" della Regione.

In questi anni abbiamo assistito ad un continuo tira e molla, tra le posizioni più progressiste, che hanno sposato le indicazioni fornite dal Piano Energetico Regionale tese ad aumentare la produzione, ed i veti degli ambientalisti, contrari a qualsiasi intervento, anche se utilizza le fonti alternative.

Così per l’energia idroelettrica prima si era tentato di appoggiare interventi sui fiumi dell’alta Valtrebbia, salvo fare retromarcia alla nascita dei primi comitati. Lo stesso si è visto per le biomasse in Valnure e per il biogas a Lusurasco.
  Ora, con le elezioni alle porte, si è dato vita ad un falso percorso partecipato per farsi dire qual è a posizione da tenere per accontentare più gente possibile  

Posizione ambigua anche sul nucleare: posto il no a qualsiasi nuova centrale sul suolo piacentino, non si è voluto offrire il necessario supporto ad un progetto assolutamente e innocuo dal punto di vista ambientale come Ignitor per paura di possibili critiche. 

È un continuo rincorrere posizioni di comodo, per accontentare di volta in volta chi urla più forte, cercando di tenere insieme la variegata alleanza che sostiene l’Amministrazione Provinciale.

Ora, con le elezioni alle porte, si è dato vita ad un falso percorso partecipato per farsi dire qual è a posizione da tenere per accontentare più gente possibile: sono sicuro che la linea che ne uscirà non sarà né quella per cui propende la Regione, né quella migliore per la Provincia di Piacenza, ma sarà l’ennesimo compromesso fatto per ottenere più consenso possibile.”







Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento