Frane a Pianello, Botti (Pd): "Dove sono i soldi promessi dalla Protezione civile?"

E' sempre più critica la situazione di Pianello sul versante frane. L'altra mattina il candidato al consiglio regionale Botti ha effettuato un sopralluogo: «Nell'incontro con i sindaci della nostra provincia, Bertolaso aveva garantito un contributo di 5 milioni di euro per risolvere l'emergenza, ma sul territorio non è ancora arrivato un euro»

botti
Botti in visita. Sotto, la frana
E' sempre più critica la situazione di Pianello sul versante frane. L'altra mattina il candidato al consiglio regionale Paolo Botti, accompagnato da Matteo Bongiorni (segretario del circolo Pd di Pianello) e da Delia Fusco (consigliere comunale Uniti per Pianello) si è recato nel Comune della Val Tidone per un sopralluogo che ha mostrato tutte le criticità dell'attuale stato di emergenza. 

UN DISASTRO - «Nell'incontro con i sindaci della nostra provincia, Guido Bertolaso aveva garantito un contributo pari a 5 milioni di euro per risolvere l'emergenza frane, ma sul territorio non è ancora arrivato un euro - dichiara Botti - finora gli unici soldi sono arrivati dall'Emilia Romagna, che è abituata a preferire azioni concrete alla politica degli annunci». Freddo e gelo hanno danneggiato la strada provinciale (da via Noce dell'Oppio), rimasta l'unica via ancora percorribile per raggiungere le frazioni più alte del Comune.

CROLLATA UNA CASA - Prima la frana, poi un altro smottamento che ha pericolosamente modificato l'area e, nel frattempo, il terreno che continua a cedere. In località Fravica, lungo la strada provinciale che porta a Case Gazzoli, è scivolata l'intera fiancata della collina provocando anche il crollo di una casa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"IL GOVERNO INTERVENGA" - Una situazione che rende sempre più urgente l'invio di risorse da parte del Governo centrale. «La totale assenza di una vera politica governativa d’intervento per le questioni legate ai territori, ha costretto in questi anni la Regione Emilia Romagna a intervenire con contributi diretti da destinare al nostro Appennino, quantificati in 6 milioni di euro solo per gli interventi lo scorso anno – ha commentato Botti – su questi temi il Governo si è limitato ad emanare decretazioni d’urgenza, provvedimenti che sono utili solo sulla carta se non vengono accompagnati da adeguati stanziamenti di fondi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento